ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

Signor procuratore generale, è troppo tardi per nominare un consulente legale speciale #Signor #procuratore #generale #troppo #tardi #nominare #consulente #legale #speciale #vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Signor procuratore generale, è troppo tardi per nominare un consulente legale speciale

Secondo quanto riferito, il Dipartimento di Giustizia ha preso in considerazione la nomina di un consulente legale speciale per completare le indagini sull’ex presidente Donald Trump e per prendere una decisione sull’opportunità di perseguire. Ma quello che una volta poteva aver funzionato – e in effetti, noi stessi proposto un Consigliere Speciale lo scorso inverno – non è più una buona idea, come uno di noi (Tribe) twittato subito dopo che l’idea è stata lanciata all’inizio di questo mese.

Le ragioni per cui il procuratore generale Merrick Garland potrebbe ora prendere in considerazione una nomina del genere erano descritto sul New York Times da John P. Fishwick, Jr., un ex procuratore degli Stati Uniti del distretto occidentale della Virginia. Ha affermato che il Dipartimento “ha bisogno di un avvocato con pedigree repubblicano in quella squadra per inviare il messaggio che questa non è una persecuzione politica”.

“[E]la stessa persona negli Stati Uniti sarà la giuria in questo caso”, ha detto Fishwick, “e dovranno avere fiducia che la squadra dell’accusa li rifletta tutti”.

In tempi normali, quella logica potrebbe essere persuasiva. Il procuratore generale ha comprensibili preoccupazioni istituzionali sulla protezione del Dipartimento di Giustizia che ama dalla percezione che si politicizzi. Infatti, a marzo, noi suggerito che la nomina di un avvocato speciale potrebbe aiutare a garantire che la nazione accetterebbe il risultato di qualsiasi decisione dell’accusa.

Ma quello del paese polarizzazione ha superato la preoccupazione così come l’orologio della giustizia. Ora non è “un momento ordinario”, per prendere in prestito il titolo della cronaca di Franklin ed Eleanor Roosevelt di Doris Kearns Goodwin, vincitrice del Premio Pulitzer.

Non è una novità che la polarizzazione politica nel Paese sia estrema. Il 41% della nazione, secondo 538.com, che vedono Trump favorevolmente, lo sono non è probabile avere il loro giudizio influenzato dalla natura imparziale di un atto d’accusa se è intentato da un legale speciale piuttosto che da un DOJ guidato da Garland. Quegli americani sono altamente suscettibili al sistema di credenze MAGA che sembra insensibile ai fatti o ad accettare che un procuratore generale nominato da un presidente dell’altra parte possa amministrare la legge senza timore o favore da nessuna delle parti.

È vero, un consulente legale speciale ha una certa indipendenza dal procuratore generale. Regolamento del Dipartimento di Giustizia fornire che i consigli speciali “non saranno soggetti alla supervisione quotidiana di alcun funzionario del Dipartimento”. Ma il procuratore generale è libero di respingere le raccomandazioni dei pubblici ministeri speciali, e alcuni di quelli più vicini all’indagine Mueller affermano, senza attribuire per lealtà al signor Mueller, che il loro lavoro era per molti versi soggetto a una più stretta supervisione quotidiana rispetto a quello di un procuratore federale in un’indagine ordinaria.

In ogni caso, anche se un avvocato speciale ha maggiore indipendenza, il dollaro si ferma sulla scrivania di Garland. Se Trump viene accusato, l’ex presidente e i suoi alleati amplificheranno questo fatto e inonderanno il mondo MAGA con il familiare meme della “caccia alle streghe politica”. Anche un consigliere speciale repubblicano verrebbe tamponato come un RINO o peggio. Il beneficio sperato sarebbe molto probabilmente illusorio.

È vero che si potrebbe dire che perseguire un ex presidente implichi ciò che il regolamenti chiamano “circostanze straordinarie” e che, almeno per quanto riguarda l’an incombente presidente, la nomina di Robert S. Mueller da parte del procuratore generale ad interim Rod Rosenstein nel maggio 2017 per indagare su Trump potrebbe essere invocata come precedente. Ma Garland è troppo intelligente per trovare convincente quel parallelo. Ovviamente implicava la circostanza intrinsecamente conflittuale di un presidente indagato e perseguito da qualcuno che presta servizio a suo piacimento, o in effetti un presidente che indaga e persegue se stesso. (Non si tratta nemmeno di menzionare che si è verificato in un’amministrazione in cui la teoria dell’esecutivo unitario avrebbe presumibilmente supplicato il procuratore generale al presidente).

Infine, qualsiasi decisione sull’eventuale nomina di un consulente legale speciale spetta in definitiva alla discrezione del procuratore generale. Ciò significa che richiede il suo giudizio riflessivo sui fattori in competizione in qualsiasi situazione.

In questa situazione, Garland è obbligata a riconoscere che c’è un prezzo pesante da pagare in un potenziale ritardo. Sarà già difficile se ci sarà un atto d’accusa e un processo, per ottenere un giudizio definitivo contro Trump prima del 20 gennaio 2025. Quel giorno, un’amministrazione repubblicana potrebbe salire al potere e far affondare illegittimamente il caso.

Considera la sequenza temporale: ci è voluto 13 mesi dall’accusa al processo per il caso relativamente semplice dell’insurrezionista Guy Reffitt. Per Trump, con le sue numerose affermazioni e l’abilità degli avvocati in ritardo, il tempo sarebbe sicuramente più lungo. Con Trump ovviamente non aspettando il processo in una cella di prigione, avrebbe tutti gli incentivi per i ritardi.

Mettiamo da parte i crimini altamente complessi legati al ruolo di Trump nel fomentare l’insurrezione del 6 gennaio e nel complottare il tentativo di colpo di stato che l’ha preceduta. Anche per il caso più ristretto che coinvolge il conservazione intenzionale di documenti governativi spedito a Mar-a-Lago, ci vorrebbe un piccolo miracolo perché un atto d’accusa, anche depositato questo mese, andasse in giudizio prima di gennaio 2024 e che l’eventuale processo successivo si concludesse prima di febbraio.

Il tempo mediano per l’appello nel Distretto di Columbia è 11 mesi. Ciò urterebbe una decisione della corte d’appello nel caso, anche con un programma ottimistico, proprio contro (o passato) il 20 gennaio 2025.

Ci sono tutte le ragioni per ritenere che la nomina di un avvocato speciale prolungherebbe la tempistica. Un avvocato esterno al Dipartimento di Giustizia – come richiesto dal regolamento – dovrebbe formare una squadra, richiedere un budget e conoscere il caso. Anche se un atto d’accusa è quasi pronto, come sospettiamo, potrebbero essere consumati altri mesi prima che qualsiasi atto d’accusa cadesse.

La priorità indiscutibile per un procuratore generale impegnato nello stato di diritto deve essere la responsabilità per un ex presidente che l’ha preso in giro in così tanti modi. In particolare, il Codice degli Stati Uniti ha criminalizzato la sua rimuovere, nascondere e conversione per uso personale qualsiasi documento governativo, tanto meno conservando i segreti di sicurezza nazionale più gelosamente custoditi della nazione e non consegnandoli agli Archivi. Senza il perseguimento di tali reati, il principio che nessuna persona è al di sopra della legge sarebbe irreparabilmente violato.

Nominare un avvocato speciale per rassicurare il pubblico sulla non partigianeria sarebbe lodevole altre volte. Alla fine del 2022 in America, data la necessità di assumersi la responsabilità di un ex presidente senza legge, quel tempo è passato. In effetti, la nomina di un procuratore speciale innescato dall’annuncio dell’ex presidente della sua candidatura per il 2024 sembrerebbe di per sé mettere la politica sul principio. Il gioco non vale la candela e nemmeno lo stoppino. Nominare ora un avvocato speciale minerebbe lo stato di diritto.

IMMAGINE: Il procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland parte dopo aver rilasciato una dichiarazione al Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti l’11 agosto 2022 a Washington, DC. Garland ha affrontato la recente perquisizione da parte dell’FBI della residenza dell’ex presidente Donald Trump a Mar-a-Lago, annunciando che il Dipartimento di Giustizia ha presentato una mozione per aprire il mandato di perquisizione e una ricevuta di proprietà per ciò che è stato preso. (Foto di Drew Angerer/Getty Images)


#vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Source link
#Signor #procuratore #generale #troppo #tardi #nominare #consulente #legale #speciale

%d bloggers like this: