ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

SCHEDA INFORMATIVA: Stati Uniti e partner del G7 impongono costi elevati per la guerra di Putin contro l’Ucraina #SCHEDA #INFORMATIVA #Stati #Uniti #partner #del #impongono #costi #elevati #guerra #Putin #contro #lUcraina

SCHEDA INFORMATIVA: Stati Uniti e partner del G7 impongono costi elevati per la guerra di Putin contro l’Ucraina

Il presidente Biden e i leader del G7 si incontrano con il presidente Zelenskyy per continuare i nostri sforzi a sostegno dell’Ucraina e basarsi sulle nostre sanzioni e controlli sulle esportazioni senza precedenti

Oggi il presidente Biden ei leader del G7 si sono incontrati con il presidente ucraino Zelenskyy per rafforzare il nostro comune impegno a rafforzare la posizione dell’Ucraina sul campo di battaglia e al tavolo dei negoziati.

Le nostre sanzioni senza precedenti stanno già imponendo un tributo immenso all’economia russa e i nostri controlli sulle esportazioni hanno soffocato l’accesso della Russia alla tecnologia critica e alle catene di approvvigionamento di cui ha bisogno per sostenere le sue ambizioni militari. La guerra di Putin dovrebbe spazzare via gli ultimi 15 anni di guadagni economici in Russia. Come risultato dei nostri controlli sulle esportazioni, la Russia sta lottando per rifornire le sue armi e attrezzature militari. I due principali stabilimenti russi di serbatoi – Uralvagonzavod Corporation e Chelyabinsk Tractor Plant – hanno interrotto i lavori per mancanza di componenti estranei. Quasi 1.000 aziende del settore privato hanno lasciato la Russia e i rapporti indicano che più di 200.000 russi, molti dei quali altamente qualificati, sono fuggiti dal paese. Tutti questi costi si aggraveranno e si intensificheranno nel tempo.

Putin ha fallito nel suo obiettivo militare iniziale di dominare l’Ucraina, ma è riuscito a fare della Russia un paria globale. Oggi gli Stati Uniti, l’Unione Europea e il G7 si sono impegnati ad aumentare questi costi adottando collettivamente ulteriori misure, coerenti con le rispettive autorità e processi legali di ciascun partner.

Prendere di mira i media controllati dallo stato all’interno della Russia che rafforzano la guerra di Putin. Gli Stati Uniti sanzioneranno tre delle emittenti televisive russe controllate direttamente o indirettamente dallo stato più seguite in Russia: Joint Stock Company Channel One Russia, Television Station Russia-1 e Joint Stock Company NTV Broadcasting Company. Tutte e tre le stazioni sono state tra le maggiori beneficiarie di entrate estere, che si ricollegano alle entrate dello Stato russo.

Mettere al bando i servizi che aiutano a finanziare la guerra di Putin e l’evasione dalle sanzioni. Gli Stati Uniti vieteranno alle persone statunitensi di fornire servizi di contabilità, costituzione di società fiduciarie e consulenza gestionale a qualsiasi persona nella Federazione Russa. Questi servizi sono fondamentali per le aziende e le élite russe che costruiscono ricchezza, generando così entrate per la macchina da guerra di Putin, e per cercare di nascondere quella ricchezza ed eludere le sanzioni. Questa azione si basa sui divieti precedenti per limitare l’esportazione di beni relativi ai settori aerospaziale, marittimo, elettronico, tecnologico e della difesa e dei materiali correlati dell’economia russa.

Tagliare le importazioni di petrolio russo e ridurre la dipendenza dall’energia russa. Gli Stati Uniti hanno già vietato l’importazione di petrolio, gas e carbone russi. Oggi, l’intero G7 si è impegnato a eliminare gradualmente o vietare l’importazione di petrolio russo. Questo colpirà duramente l’arteria principale dell’economia di Putin e gli negherà le entrate di cui ha bisogno per finanziare la sua guerra. Il G7 si è inoltre impegnato a collaborare per garantire forniture energetiche globali stabili, accelerando al contempo i nostri sforzi per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili.

Imporre ulteriori controlli e sanzioni sulle esportazioni per degradare gli sforzi bellici della Russia. Gli Stati Uniti emetteranno una nuova norma che impone ulteriori restrizioni al settore industriale russo, inclusa un’ampia gamma di input e prodotti tra cui prodotti in legno, motori industriali, caldaie, motori, ventilatori e apparecchiature di ventilazione, bulldozer e molti altri articoli con e applicazioni commerciali. Questi nuovi controlli limiteranno ulteriormente l’accesso della Russia a beni e entrate che potrebbero supportare le sue capacità militari. Gli Stati Uniti hanno anche sanzionato la società a responsabilità limitata Promtekhnologiya, che produce fucili e altre armi che sono state utilizzate nelle operazioni militari in Ucraina; sette compagnie di navigazione, che possiedono o gestiscono 69 navi; e una compagnia di rimorchio marittimo. La Commissione di regolamentazione nucleare sospenderà anche le licenze generali per l’esportazione di materie prime, materie nucleari speciali, sottoprodotti e deuterio verso la Russia.

Imporre sanzioni alle élite russe e ai loro familiari e restrizioni sui visti a funzionari russi e bielorussi che minano la sovranità, l’integrità territoriale o l’indipendenza politica dell’Ucraina. Gli Stati Uniti hanno imposto circa 2.600 restrizioni ai visti a funzionari russi e bielorussi in risposta ai loro sforzi in corso per minare la sovranità, l’integrità territoriale o l’indipendenza politica dell’Ucraina. Inoltre, gli Stati Uniti hanno emesso una nuova politica di restrizione del visto che si applica ai funzionari militari della Federazione Russa e alle presunte autorità sostenute dalla Russia o installate dalla Russia che si ritiene siano state coinvolte in violazioni dei diritti umani, violazioni del diritto umanitario internazionale o corruzione pubblica in Ucraina. Gli Stati Uniti hanno anche sanzionato otto dirigenti di Sberbank, il più grande istituto finanziario in Russia e di importanza unica per l’economia russa, che detiene circa un terzo di tutte le attività bancarie in Russia; ventisette dirigenti di Gazprombank, un’importante banca russa che facilita gli affari della russa Gazprom, uno dei maggiori esportatori di gas naturale al mondo; e la Moscow Industrial Bank e le sue dieci filiali.

###

Source link
#SCHEDA #INFORMATIVA #Stati #Uniti #partner #del #impongono #costi #elevati #guerra #Putin #contro #lUcraina

%d bloggers like this: