ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

“Posso assumere una domestica part-time che dica di avere il proprio visto?” #Posso #assumere #una #domestica #parttime #che #dica #avere #proprio #visto #vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

“Posso assumere una domestica part-time che dica di avere il proprio visto?”

sto cercando di impiegare una cameriera/addetto alle pulizie e sono stati avvicinati da una donna che ha il proprio visto e cerca lavoro. Ha detto che ha organizzato il visto attraverso una società e poi lavora per a poche famiglie a tempo parziale.

Lavora part-time per un amico che dice che potrei servirmi anche di lei. Sembra un po’ strano: è legale? MV, Dubai

Esistono regole rigide negli Emirati Arabi Uniti che regolano l’assunzione di 19 categorie di lavoratori domestici, tra cui cameriere, addetti alle pulizie, autisti personali, cuochi e governanti.

Il nuovo regolamento, entrato in vigore nel dicembre 2022 con il decreto federale n. 9 del 2022 relativo ai lavoratori domestici, si è inasprito negli ultimi anni per proteggere questi posti di lavoro.

____________

Guarda: entrano in vigore le nuove leggi sul lavoro degli Emirati Arabi Uniti

I lavoratori domestici possono essere assunti solo tramite un’agenzia o essere sponsorizzati come dipendenti diretti, ma solo se lo sponsor soddisfa requisiti specifici come uno stipendio di 25.000 Dh al mese.

Anche il lavoro sponsorizzato deve essere organizzato tramite un’agenzia autorizzata dal governo e devono essere utilizzati contratti di lavoro standard.

È illegale assumere qualsiasi lavoratore domestico che dichiari di avere il proprio visto o chiunque sia sotto il patrocinio di un altro residente.

Ciò significa che un lavoratore domestico non può lavorare part-time per nessuno che non sia il proprio sponsor, a meno che non si tratti di personale interinale assunto tramite una società registrata su base oraria.

Le multe per violazione della legge sono significative e sono chiarite nell’ultima legislazione, che afferma: quanto segue: a. Fornisce occupazione a un lavoratore domestico senza ottenere un permesso di lavoro per quest’ultimo.

io vorrei sapere quali sono le implicazioni dell’IVA sulle commissioni pagate a un individuo per avviare affari per una società con sede in India. Sarò basato a Dubai ma viaggerò a Londra e in Europa per affari. Le merci verranno spedite dall’India direttamente agli acquirenti.

È necessario ottenere un numero di partita IVA prima di iniziare questa impresa? L’azienda in India esporterà capi confezionati e mobili per la casa in Europa. La società fornitrice non ha alcuna sede aziendale a Dubai. IB, Dubai

È pertinente sottolineare che se IB prevede di commerciare attraverso gli Emirati Arabi Uniti e riceverà un reddito, dovrà costituire una società con una licenza commerciale adeguata.

L’esperta di IVA Gemma Nye, manager di Go Figure Accountancy a Dubai, afferma: “Se la loro scelta è di registrare l’attività qui, devono seguire i normali protocolli di registrazione per l’IVA quando raggiungono la soglia”.

Per le imprese con sede negli Emirati Arabi Uniti, la soglia di registrazione IVA obbligatoria è di 375.000 Dh. C’è una soglia di registrazione volontaria di Dh187,500.

“Se l’azienda opera solo al di fuori degli Emirati Arabi Uniti e non ha intenzione di fornire servizi all’interno degli Emirati Arabi Uniti, al momento della registrazione può richiedere un’esenzione. È molto importante garantire comunque che passino attraverso il processo di registrazione indipendentemente dall’ubicazione delle loro forniture tassabili”, aggiunge la signora Nye.

________

L’IVA entra in vigore il 1° gennaio 2018 — in foto

Consiglio sempre alle persone di avvalersi di una consulenza professionale in relazione a qualsiasi questione fiscale poiché è importante fare tutto bene ed evitare potenziali problemi e multe.

Se mi dimetto da un’azienda e sono ancora in periodo di prova, ho diritto alle ferie? Ho accumulato più di 10 giorni di ferie annuali, ma il mio datore di lavoro dice che non ho diritto ad alcuna retribuzione poiché sono in libertà vigilata. EC, Abu Dhabi

Il datore di lavoro ha torto e EC ha diritto a essere retribuita per i giorni di ferie annuali maturati e non goduti. Questo vale per chiunque scelga di dimettersi durante il periodo di prova.

La nuova legge sul lavoro è molto chiara in materia e l’articolo 29, comma 3 recita: “Il datore di lavoro può accettare di concedere al lavoratore un congedo dal saldo delle ferie annuali durante il periodo di prova, mentre il lavoratore si riserva il diritto di essere retribuito per il resto del saldo delle ferie annuali nel caso in cui non superi il periodo di prova.

Ciò significa che mentre il datore di lavoro può decidere di non prendere giorni di ferie durante il periodo di prova, il diritto alle ferie matura comunque e deve essere retribuito se un dipendente non le ha usufruite prima di lasciare l’azienda.

Se il datore di lavoro si rifiuta di pagare quanto dovuto, un dipendente può intentare causa contro di lui presso il Ministero delle risorse umane e dell’emiratizzazione.

Questo può avvenire chiamando il ministero al numero 600 590 000, tramite il suo sito Web o tramite l’app.

Keren Bobker è consulente finanziario indipendente e senior partner di Holborn Assets a Dubai, con oltre 25 anni di esperienza. Contattala al [email protected]. Seguila su Twitter all’indirizzo @FinancialUAE

La consulenza fornita nelle nostre rubriche non costituisce consulenza legale ed è fornita solo a scopo informativo

Aggiornato: 20 novembre 2022, 05:00


#vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Source link
#Posso #assumere #una #domestica #parttime #che #dica #avere #proprio #visto

%d bloggers like this: