ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

L’immigrazione non è ancora una risposta perfetta alla carenza di infermieri – Visti di lavoro #Limmigrazione #ancora #una #risposta #perfetta #alla #carenza #infermieri #Visti #lavoro #vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

L’immigrazione non è ancora una risposta perfetta alla carenza di infermieri – Visti di lavoro

Per stampare questo articolo è sufficiente essere registrati o effettuare il login su Mondaq.com.

Di fronte a una grave carenza infermieristica, un’opzione per gli Stati Uniti è l’immigrazione.

Ma anche se il governo federale ha assegnato alle infermiere registrate una designazione speciale che snellisce il processo di residenza permanente basata sull’occupazione (carta verde), molto dovrebbe cambiare affinché l’immigrazione affronti completamente la grave carenza di infermieri.

In base a una designazione “Programma A”, gli infermieri registrati, insieme ai fisioterapisti, sono esentati da alcuni dei passaggi che sarebbero normalmente richiesti in un processo di carta verde sponsorizzato dal datore di lavoro. Ad esempio, normalmente un datore di lavoro statunitense può procedere con la sponsorizzazione di un lavoratore straniero per una carta verde solo se il datore di lavoro prima supera un “test del mercato del lavoro” (noto come processo di certificazione del lavoro PERM) e si fa pubblicità per la posizione per determinare se ci sono lavoratori statunitensi che soddisfano i requisiti minimi di istruzione/esperienza per la posizione offerta. Se nessun lavoratore statunitense qualificato si candida, il datore di lavoro può ricevere la “certificazione” e procedere con la sponsorizzazione di un lavoratore straniero per una carta verde basata su un’offerta di lavoro per quella particolare posizione.

Nel caso delle infermiere registrate, la designazione “Programma A” significa che il governo degli Stati Uniti presumerà che non ci siano abbastanza lavoratori statunitensi qualificati ed esonererà i datori di lavoro statunitensi dal dover condurre tale test del mercato del lavoro. Ciò può far risparmiare da 6 a 12 mesi rispetto al normale processo di carta verde sponsorizzato dal datore di lavoro. (Il nostro blog sull’immigrazione ha pubblicato un post più dettagliato su questo processo lo scorso ottobre)

Visti infermieristici e H-1B

Ma potrebbe non bastare. Anche per i casi di Schedule A, il processo della carta verde può richiedere da 12 a 18 mesi per essere completato e, a meno che un’infermiera non sia canadese o messicana, le opzioni per ottenere un visto di lavoro temporaneo che consentano loro di venire negli Stati Uniti e lavorare nel frattempo sono limitate . Il visto di lavoro temporaneo più comune è quello noto come visto H-1B. Per qualificarsi per un visto H-1B, la posizione offerta deve essere una “occupazione speciale”, una posizione che richiede una laurea o superiore in un campo particolare. Il punto di vista di lunga data dei servizi di cittadinanza e immigrazione degli Stati Uniti e del Dipartimento del lavoro è stato che le posizioni ordinarie RN non si qualificano per la classificazione H-1B perché la maggior parte normalmente non richiede una laurea o una laurea in infermieristica (dal momento che alcune infermiere con solo un il diploma di socio può qualificarsi per posizioni RN di livello base. Vedi qui:

Quindi, troppo spesso, ai datori di lavoro viene lasciata la procedura della carta verde e un’attesa fino a 18 mesi come unica opzione.

In un barlume di speranza e forse un segno delle cose a venire, ci sono state piccole modifiche ad alcuni documenti/risorse che potrebbero far presagire che un giorno le infermiere registrate rientrino nei criteri della “specialità professionale” – ad esempio, il DOL’s
Manuale di prospettive occupazionali ora dice che la “tipica istruzione di livello base” per un’infermiera registrata è una laurea. E O*NET Online del Dipartimento del Lavoro, che fornisce informazioni generali su varie occupazioni negli Stati Uniti, riflette che gli infermieri registrati sono una “Job Zone Four”, designata per posizioni che richiedono principalmente una laurea quadriennale.

Entrambe le modifiche sono state apportate nell’ultimo anno o due. Mentre alcuni avvocati riferiscono di avere successo con le petizioni H-1B per infermieri registrati se sono in grado di documentare un particolare ospedale/struttura, o almeno un particolare dipartimento in esso, richiede costantemente una laurea per i suoi RN, la nota USCIS collegata sopra è ancora spesso utilizzato come base per negare le petizioni H-1B per posizioni RN standard.

Quindi i datori di lavoro sanitari sono bloccati con un dilemma: di fronte a una carenza, investire nei 12-18+ mesi per assumere infermieri stranieri attraverso la procedura della scheda verde Schedule A, o scommettere sulla limitazione delle assunzioni ai soli infermieri con diplomi di laurea nella speranza che l’USCIS conceda un visto H-1B. La maggior parte non gioca d’azzardo. Stanno scegliendo il primo, lasciandoli alla mercé di tempi di elaborazione del governo sempre più lunghi.

Il contenuto di questo articolo ha lo scopo di fornire una guida generale all’argomento. Dovrebbe essere richiesto il parere di uno specialista sulle circostanze specifiche.

ARTICOLI POPOLARI SU: Immigrazione dagli Stati Uniti

Avviso globale sull’immigrazione di ottobre 2022

Seyfarth Shaw LLP

Il governo del Canada ha annunciato che tutti i requisiti di frontiera COVID-19, inclusa la vaccinazione, l’uso obbligatorio di ArriveCAN e qualsiasi requisito di test e quarantena/isolamento…

#vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Source link
#Limmigrazione #ancora #una #risposta #perfetta #alla #carenza #infermieri #Visti #lavoro

%d bloggers like this: