ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

La membro del Congresso degli Stati Uniti Rashida Tlaib combatte l’inclusione dell’esenzione dal visto per Israele #membro #del #Congresso #degli #Stati #Uniti #Rashida #Tlaib #combatte #linclusione #dellesenzione #dal #visto #Israele

La membro del Congresso degli Stati Uniti Rashida Tlaib combatte l’inclusione dell’esenzione dal visto per Israele

Il membro del Congresso degli Stati Uniti Rashida Tlaib sta esercitando pressioni contro l’inclusione di Israele nel Programma di esenzione dal visto.

Il Democratico del Michigan sostiene che le “politiche discriminatorie di Israele lo rendono non idoneo all’inclusione”.

3 Guarda la galleria

La deputata statunitense Rashida Tlaib, (L), al Campidoglio di Washington, DC, 11 maggio 2022La deputata statunitense Rashida Tlaib, (L), al Campidoglio di Washington, DC, 11 maggio 2022

La deputata statunitense Rashida Tlaib, (L), al Campidoglio di Washington, DC, 11 maggio 2022

(Foto: A.P)

Il Visa Waiver Program consente ai cittadini stranieri di entrare negli Stati Uniti per 90 giorni senza richiedere un visto.

Israele ha cercato a lungo di far parte di quel programma, ma non ha raggiunto i parametri di riferimento richiesti.

La lettera inviata da Tlaib afferma che Israele pratica “una flagrante discriminazione contro cittadini palestinesi, mediorientali e nordafricani, musulmani e filo-palestinesi americani ai suoi punti di ingresso”.

La lettera del Congresso è stata indirizzata al Segretario di Stato Antony Blinken e al Segretario per la sicurezza interna Alejandro Mayorkas.

È stato co-firmato da molti altri membri del Congresso, tra cui la deputata Betty McCollum e la deputata Alexandria Ocasio Cortez.

La lettera prosegue affermando che le nuove procedure israeliane pubblicate a febbraio “rappresentano una chiara intenzione israeliana di limitare l’ingresso di alcuni viaggiatori americani che cercano di entrare nella Cisgiordania occupata”.

Il Dipartimento per la sicurezza interna afferma che Israele dovrà soddisfare tutti i requisiti affinché il programma possa partecipare, ma ha affermato che la questione non ha una priorità assoluta.

A gennaio, il ministero dell’Interno ha detto che lo era lavorando a una campagna mediatica ciò insegnerebbe agli israeliani come compilare correttamente una domanda di visto per gli Stati Uniti mentre la nazione ebraica cerca di assicurarsi un posto nel Visa Waiver Program.

Secondo il ministero, 150.000 israeliani richiedono in media ogni anno il visto per gli Stati Uniti, ma il 6-7% di loro finisce per essere respinto, principalmente per motivi tecnico-amministrativi.

La campagna, guidata dal ministro dell’Interno Ayelet Shaked e dall’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme, mira a più che dimezzare il tasso di rifiuto per raggiungere la soglia del 3% degli Stati Uniti entro il 2023.

Gli Stati Uniti affermano che un numero relativamente elevato di domande di visto viene respinto a causa di aspetti tecnici, come una foto del passaporto scaduta o un passaporto danneggiato.

Altri problemi frequenti includono la presentazione delle domande di visto per i minori di 14 anni senza i documenti dei genitori pertinenti, nonché la mancata presentazione di un’impronta digitale o la mancata presentazione a un colloquio personale con il console.

Source link
#membro #del #Congresso #degli #Stati #Uniti #Rashida #Tlaib #combatte #linclusione #dellesenzione #dal #visto #Israele

%d bloggers like this: