ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

Il prossimo Congresso degli Stati Uniti probabilmente manterrà la sua quota di legislatori nati all’estero #prossimo #Congresso #degli #Stati #Uniti #probabilmente #manterrà #sua #quota #legislatori #nati #allestero #vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Il prossimo Congresso degli Stati Uniti probabilmente manterrà la sua quota di legislatori nati all’estero

Il 117° Congresso degli Stati Uniti è stato considerato il più vario dal punto di vista razziale ed etnico di sempre, secondo gli studi del Pew Research Center. Ha mostrato che 18 membri del Congresso sono nati al di fuori degli Stati Uniti e sono diventati cittadini statunitensi attraverso la naturalizzazione.

Il 118° Congresso, che presterà giuramento il 2 gennaio 2023, manterrà la sua quota di immigrati pur rimanendo al di sotto dei massimi storici, secondo Pew.

Alcune gare congressuali devono ancora essere decise, ma il 118esimo Congresso degli Stati Uniti dovrebbe avere almeno 16 membri – il 3% – immigrati negli Stati Uniti e successivamente diventati cittadini statunitensi. Nel 50° Congresso dal 1887 al 1889, l’8% dei membri era nato all’estero.

La quota di membri del Congresso nati all’estero rimane al di sotto dei massimi storici (per gentile concessione del Pew Research Center)

“Sebbene il numero di legislatori nati all’estero nell’attuale Congresso sia ridotto, più membri hanno almeno un genitore nato in un altro paese. Insieme, immigrati e figli di immigrati rappresentano almeno il 14% del nuovo Congresso, una quota leggermente superiore a quella dell’ultimo Congresso (13%)”, secondo uno studio del 2021 del Pew, un’organizzazione apartitica con sede a Washington che fornisce analisi sulle tendenze demografiche che modellano gli Stati Uniti.

Lo studio ha anche mostrato che la quota del 117° Congresso di legislatori nati all’estero, al 3%, è di gran lunga inferiore alla quota di nati all’estero della popolazione statunitense nel suo complesso, che era del 13,6% nel 2019, secondo Pew.

Attualmente, almeno 18 membri del Congresso, repubblicani e democratici, sono nati al di fuori degli Stati Uniti e sono diventati cittadini statunitensi. Provengono da Cuba, Repubblica Dominicana, Ecuador, Guatemala, Giappone, Messico, India, Polonia, Somalia, Corea del Sud, Taiwan, Ucraina e Vietnam.

Requisiti di residenza

Secondo la Costituzione degli Stati Uniti, coloro che hanno acquisito la cittadinanza statunitense attraverso la naturalizzazione devono soddisfare determinati requisiti per candidarsi e ricoprire cariche a livello federale.

Una persona che entra in carica nel Senato degli Stati Uniti deve avere 30 anni, essere cittadino degli Stati Uniti da nove anni e residente nello stato da cui si candida alle elezioni.

Per ricoprire una carica nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, l’americano naturalizzato deve avere 25 anni, essere cittadino statunitense da sette anni e vivere nello stato rappresentato quando viene eletto.

Il Congresso degli Stati Uniti è il ramo legislativo responsabile di emanare leggi in cui il Senato e la Camera costituiscono rispettivamente la camera alta e la camera bassa.

Un membro della Camera serve due anni, mentre i senatori servono sei anni.

Mazie Hirono delle Hawaii è l’unico attuale senatore degli Stati Uniti nato al di fuori degli Stati Uniti. È nata in Giappone da genitori che non erano cittadini statunitensi. Hirono divenne cittadino statunitense nel 1959, lo stesso anno in cui le Hawaii divennero uno stato.

Hirono è il più longevo degli attuali membri nati all’estero. È stata eletta al Senato nel 2013 ed è stata membro della Camera dal 2007 al 2013.

“Sappiamo da tempo che quando l’America accoglie rifugiati e richiedenti asilo, investono in America. Rifugiati e richiedenti asilo contribuiscono in modo significativo all’economia come lavoratori e contribuenti unendosi alla forza lavoro, avviando la propria attività e mettendo radici con le loro famiglie per diventare membri proattivi delle loro comunità, anche prestando servizio in cariche pubbliche “, JC Hendrickson, senior direttore della politica di reinsediamento, asilo e integrazione e advocacy presso l’International Rescue Committee, ha detto a VOA via e-mail.

Politici immigrati da entrambe le parti

Almeno 16 legislatori nati all’estero hanno vinto le elezioni o la rielezione a metà mandato. Quattro sono nati in Messico, inclusi tre democratici: Salud Carbajal e Raul Ruiz, entrambi in rappresentanza della California, e Jesus Garcia dell’Illinois.

Juan Ciscomani, un repubblicano, è stato eletto per la prima volta al sesto seggio del Congresso dell’Arizona. La sua famiglia è immigrata negli Stati Uniti dal Messico. È diventato un cittadino naturalizzato da bambino.

FILE - Il giovane Kim della California parla durante un'audizione della commissione a Washington.  10 marzo 2021.
FILE – Il giovane Kim della California, rappresentante repubblicano, parla durante un’audizione in commissione a Washington. 10 marzo 2021.

Due dei legislatori provengono dall’India: Pramila Jayapal di Washington e Raja Krishnamoorthi dell’Illinois. Entrambi sono democratici. E due vengono dalla Corea del Sud: Young Kim e Michelle Park Steel, entrambe repubblicane della California. Victoria Spartz, repubblicana, è il primo membro del Congresso nato in Ucraina. È emigrata negli Stati Uniti nel 2000.

Nel Congresso entrante, almeno 12 membri nati all’estero sono democratici e quattro sono repubblicani.

Tre di questi repubblicani sono stati eletti per la prima volta al Congresso nel 2020. Un repubblicano è stato recentemente eletto all’inizio di questo mese.

A livello locale, Ghida Dagher, presidente dei New American Leaders e del New American Leaders Action Fund, ha affermato in una dichiarazione che gli elettori erano pronti per “una nuova generazione di funzionari eletti e hanno abbracciato il futuro rappresentato dai nuovi candidati americani”.

“Gli elettori di ogni estrazione hanno scelto di sostenere molti dei nuovi americani che si sono fatti avanti per correre, vincere e guidare”, ha detto.

#vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Source link
#prossimo #Congresso #degli #Stati #Uniti #probabilmente #manterrà #sua #quota #legislatori #nati #allestero

%d bloggers like this: