ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

Il luogotenente governatore della Florida ha detto che i migranti cubani “illegali” saranno inviati nel Delaware? #luogotenente #governatore #della #Florida #detto #che #migranti #cubani #illegali #saranno #inviati #nel #Delaware #vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Il luogotenente governatore della Florida ha detto che i migranti cubani “illegali” saranno inviati nel Delaware?

Il tenente governatore della Florida Jeanette Nuñez – una repubblicana cubano-americana di Miami – ha alzato le sopracciglia tra alcuni cubani americani durante il fine settimana dopo che sembrava suggerire in un programma radiofonico conservatore AM che i cubani che si trovavano in Florida “illegalmente” sarebbero stati portati in autobus nel Delaware.

In un’intervista con 1040 AM Actualidad Radio, a Nuñez è stata chiesta la sua opinione sul numero storico di cubani provenienti dall’isola comunista attraverso il confine meridionale degli Stati Uniti fino al sud della Florida e su come potrebbe avere un impatto sulle comunità dello stato. Continuò dicendo: “…Lui è [DeSantis] li manderò, molto francamente, nello stato del Delaware, lo stato del Presidente”.

Il messaggio di Nuñez rifletteva generalmente la politica di immigrazione intransigente del governatore Ron DeSantis, un’area di applicazione gestita dal governo federale. Ma ciò ha colpito un nervo tra alcuni ascoltatori della radio di Miami, inclusa una base crescente del GOP di elettori ispanici abituati a sentire i repubblicani fare una distinzione tra migranti in fuga dai regimi comunisti e migranti in fuga dalla violenza dilagante o in cerca di opportunità economiche.

“Quei numeri che sono arrivati ​​​​attraverso il confine da Cuba, puoi essere completamente sicuro che dove vogliono arrivare, l’ultimo posto dove vogliono andare è la Florida”, ha detto Nuñez, prima di confrontare la situazione con il Mariel Boatlift del 1980: ” Sarà peggio di Mariel, peggio di tutto quello che è successo, l’impatto negli anni ’80 e non fare nulla non è un’opzione”.

Nel difendere le dichiarazioni di Nuñez in inglese, il suo staff si è affrettato a distinguere tra cubani e altri gruppi di migranti.

“Ancora una volta, entrare illegalmente nel Paese e fuggire da una dittatura mentre cercavano asilo sono due cose molto, molto diverse”, ha twittato Nikki Whiting, portavoce di Nuñez. “L’unico motivo per cui la sinistra si fissa su questo è perché gli ispanici si stanno riversando nel Partito Repubblicano”.

I commenti di Nuñez, che ha fatto durante un’intervista di quasi 20 minuti venerdì pomeriggio, non hanno attirato molta attenzione fino a sabato, quando il tweet di una clip dell’intervista di un professore dell’Università di Miami ha iniziato a circolare tra giornalisti e politici.

L’intervista è diventata un pasto rapido per i candidati al governo democratico Nikki Fried e Charlie Crist, che si affronteranno nelle elezioni primarie del 23 agosto.

“Parole selvaggiamente inappropriate del luogotenente governatore di Ron DeSantis, Fried twittato. “Fuggire dal comunismo e dalla tirannia in uno stato ricco di famiglia e cultura solo per essere deportato a nord in autobus è crudele e sbagliato”.

Crist ha dichiarato in una dichiarazione: “Giocare a giochi politici di parte con i rifugiati cubani è un tradimento dei nostri valori più profondi come floridiani e come americani. Questi uomini e queste donne stanno fuggendo da un regime brutale e omicida e bramano di essere liberi”.

Ottieni informazioni sulla politica della Florida

Ottieni informazioni sulla politica della Florida

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita Buzz

L’editore politico Emily L. Mahoney ti invierà una carrellata sulla copertura politica locale, statale e nazionale ogni giovedì.

Siete tutti iscritti!

Vuoi più delle nostre newsletter settimanali gratuite nella tua casella di posta? Iniziamo.

Esplora tutte le tue opzioni

Nonostante le critiche, la risposta di Nuñez nell’intervista è ampiamente coerente con l’agenda sull’immigrazione di DeSantis: in risposta a un caos di elaborazione delle frontiere per lo più di migranti haitiani a Del Rio, in Texas, l’anno scorso, DeSantis ha proposto di dare alla sua amministrazione 8 milioni di dollari per rimuovere gli “alieni non autorizzati” dallo stato (il Senato della Florida ha finito per approvare un fondo di 12 milioni di dollari all’inizio di quest’anno, ma il Dipartimento dei trasporti della Florida non ha ancora rilasciato dettagli su come funzionerebbe il programma di autobus).

Imparentato: La missione di frontiera delle forze dell’ordine di DeSantis accumula $ 1,6 milioni

Ha anche schierato dozzine di agenti delle forze dell’ordine della Florida al confine, una missione che è costata allo stato almeno 1,6 milioni di dollari.

E quest’anno il legislatore ha approvato una legge che prenderebbe di mira i contratti con le compagnie di trasporto che lavorano con il governo federale per portare i migranti in Florida. Lo stato non ha mostrato alcuna prova che esistano contratti che si adattino a tale descrizione o che sia stata intrapresa un’azione come risultato di quella legge finora.

“Credo che quello che abbiamo fatto e quello che stiamo facendo sia avere una posizione a livello statale”, ha detto Nuñez su Actualidad. “…Il Governatore ha lavorato con il legislatore per assicurarsi fondi per cercare di garantire che quelle persone che vengono illegalmente – lui, ancora una volta, non rimanga con le braccia incrociate. Non penserà: ‘Cosa farà?'”

Anche Christina Pushaw, aiutante della campagna di DeSantis, ha pesato sulla controversia, dicendo che non ci sono migranti cubani che vengono negli Stati Uniti illegalmente, quindi chiunque comprenda la legge sull’immigrazione saprebbe che il luogotenente governatore non stava parlando di portare i cubani fuori dalla Florida.

“[Nuñez] ha detto chiaramente che coloro che vengono illegalmente dovrebbero essere trasportati fuori dalla Florida, non importa da dove provengano”, ha twittato Pushaw. “Se qualcuno è venuto a Miami su una zattera da Cuba per sfuggire alla repressione comunista, quella persona è legale [because they are a] profugo. Non è difficile da capire”.

Ma ottenere asilo negli Stati Uniti non è così semplice come suggerisce Pushaw. E mentre i cubani per decenni hanno goduto di speciali vantaggi in materia di immigrazione negli Stati Uniti attraverso la cosiddetta politica “piede bagnato, piede asciutto”, il modo in cui i cubani vengono ora trattati una volta entrati nel paese attraverso un porto di ingresso non è diverso dagli altri migranti, ha affermato L’avvocato per l’immigrazione di Miami Maureen Porras.

Imparentato: DeSantis ha propagandato lo sforzo per combattere l’immigrazione illegale. La maggior parte degli arresti erano residenti legali.

La principale distinzione è che i cubani possono beneficiare di ulteriori forme di sgravio per l’espulsione grazie al Cuban Adjustment Act del 1966, una legge che ha consentito ad alcuni cubani idonei, in particolare quelli in libertà vigilata, di richiedere la residenza permanente legale, ha affermato Porras.

Ma anche allora, Porras ha detto che il processo attraverso il quale i cubani ricevono lo status di libertà vigilata è in corso di controversia.

«La libertà vigilata era automatica. I cubani che sono riusciti a raggiungere gli Stati Uniti sono stati automaticamente rilasciati sulla parola in base alla politica del “piede bagnato, piede asciutto”, ha detto Porras. “Quella libertà vigilata non è più automatica”.

I richiedenti asilo negli Stati Uniti devono soddisfare cinque motivi di protezione per dimostrare che stanno fuggendo dalla persecuzione. Ciò offre ai migranti provenienti da paesi come Cuba, dove i funzionari hanno regolarmente incarcerato e represso i dissidenti nell’ultimo anno a causa di un’ondata di proteste anti-governative, un buon motivo per lottare per l’asilo. Ma anche allora, ha detto Porras, non è scontato.

Ad esempio, solo il 17% dei casi di asilo trattati a Miami è stato concesso nel mese di luglio, secondo il Transactional Records Access Clearinghouse della Syracuse University, una delle fonti più affidabili per i dati dei tribunali nazionali per l’immigrazione.

La stragrande maggioranza dei casi di asilo in generale, circa l’83%, è stata respinta.

Suddivisi per nazionalità, a luglio sette migranti cubani hanno ottenuto asilo nel sistema dei tribunali per l’immigrazione di Miami. Ciò rappresenta circa il 58% dei casi di asilo, secondo i numeri di TRAC.

In confronto, per gli haitiani, quella cifra era del 5,26% – o solo un migrante haitiano a cui era stato concesso lo status di asilo.

“Ci sono tutti i tipi di casi. Non tutte le persone avranno una richiesta di asilo valida”, ha affermato Porras.

Lo scrittore dello staff del Miami Herald Devoun Cetoute, la giornalista dell’ufficio di Syra Ortiz-Blanes e del Times/Herald Tallahassee Ana Ceballos hanno contribuito a questa storia.


#vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Source link
#luogotenente #governatore #della #Florida #detto #che #migranti #cubani #illegali #saranno #inviati #nel #Delaware

%d bloggers like this: