ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

Il governo di Erdoğan non ha revocato l’esenzione dal visto su richiesta del Turkmenistan, impedendo ai dissidenti turkmeni di lasciare il paese #governo #Erdoğan #revocato #lesenzione #dal #visto #richiesta #del #Turkmenistan #impedendo #dissidenti #turkmeni #lasciare #paese #vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Il governo di Erdoğan non ha revocato l’esenzione dal visto su richiesta del Turkmenistan, impedendo ai dissidenti turkmeni di lasciare il paese

Levent Kenez/Stoccolma

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, con una decisione pubblicata nella Gazzetta ufficiale mercoledì, ha revocato l’esenzione dal visto per i cittadini del Turkmenistan. La decisione è stata presa 10 giorni dopo che il Turkmenistan ha ufficialmente chiesto ad Ankara di avviare l’obbligo del visto per i cittadini turkmeni, che in precedenza potevano viaggiare in Turchia senza visto a condizione che il loro soggiorno non superasse i 30 giorni.

Il Ministero degli Affari Esteri turkmeno in una dichiarazione ufficiale del 4 settembre ha chiesto ad Ankara di imporre l’obbligo del visto per i suoi cittadini “al fine di migliorare e mantenere sistematicamente le regole per il soggiorno dei cittadini del Turkmenistan nella Repubblica di Türkiye”.

20220914-15

Secondo le informazioni ottenute da Nordic Monitor, il motivo per cui Ashgabat ha chiesto che fosse richiesto il visto per l’ingresso in Turchia è che un numero crescente di oppositori del regime sta fuggendo in Turchia. Uno dei pochi paesi in cui i cittadini turkmeni possono entrare senza visto, la Turchia è diventata un centro della diaspora per molti turkmeni.

Secondo la Presidenza turca per la gestione della migrazione, al 1 settembre 118.375 cittadini turkmeni vivevano in Turchia con un permesso di soggiorno. Tuttavia, si stima che questa cifra sia più alta con l’aggiunta di cittadini turkmeni privi di documenti. Le statistiche ufficiali mostrano anche che i cittadini turkmeni costituiscono uno dei più grandi gruppi di migranti illegali. Un totale di 8.447 migranti turkmeni irregolari sono stati detenuti dalle autorità turche fino ad oggi nel 2022.

Le autorità turche generalmente tollerano che i turkmeni privi di documenti rimangano illegalmente in Turchia a causa della manodopera a basso costo che forniscono e dei legami storici, ma le attività contro il regime di Ashgabat non sono accolte favorevolmente.

L’attivista turkmeno Dursoltan Taganova annunciato è stata chiamata alla Presidenza turca per la gestione della migrazione il 15 aprile 2021 e ha avvertito che avrebbe potuto incontrare problemi con il suo permesso di soggiorno se non avesse interrotto le sue attività politiche.

Nel luglio 2020 Taganova e dozzine di altri turkmeni lo erano detenuto quando hanno cercato di organizzare una manifestazione davanti al consolato del Turkmenistan a Istanbul per criticare il governo del presidente Gurbanguly Berdymukhammedov.

La maggior parte dei detenuti è stata rilasciata poche ore dopo, ma Taganova è stata trattenuta in custodia perché le autorità turche hanno cercato di deportarla in Turkmenistan.

È stata rilasciata nell’ottobre 2020 dopo che 11 organizzazioni per i diritti umani avevano esortato le autorità turche a non portare a termine la deportazione, dicendo che sarebbe stata arrestata arbitrariamente e torturata se fosse stata restituita in Turkmenistan.

Il 21 giugno i rappresentanti di diverse organizzazioni islamiste per i diritti umani vicine al governo turco hanno chiesto soluzioni ai problemi incontrati dai turkmeni che vivono in Turchia.

I turkmeni affermano di avere seri problemi con i permessi di soggiorno turchi, di non poter recarsi in altri paesi perché i loro passaporti non vengono rinnovati dai consolati turkmeni e di non poter tornare a casa per paura della reclusione.

Secondo le informazioni ottenute da Nordic Monitor, i gruppi di opposizione in Turkmenistan sono preoccupati che il governo turkmeno chiederà che le persone i cui nomi inviano alle missioni diplomatiche turche non ricevano visti. Pertanto, molti dissidenti non potranno lasciare il Paese. È probabile che il governo Erdoğan, che ha buoni rapporti con il Turkmenistan, soddisferà la richiesta.

La Turchia ha fornito aiuti militari al Turkmenistan nel 2021 e ha venduto droni da combattimento Bayraktar prodotti dalla compagnia del genero di Erdoğan.

Secondo il watchdog con sede a Washington Casa della Libertà, il Turkmenistan è uno stato autoritario repressivo in cui nella pratica i diritti politici e le libertà civili sono quasi completamente negati. Le elezioni sono strettamente controllate, assicurando vittorie quasi unanimi al presidente e ai suoi sostenitori.

#vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Source link
#governo #Erdoğan #revocato #lesenzione #dal #visto #richiesta #del #Turkmenistan #impedendo #dissidenti #turkmeni #lasciare #paese

%d bloggers like this: