ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

Il Dipartimento di Giustizia si assicura un accordo con l’affiliato di McDonald’s per risolvere le denunce di discriminazione legate all’immigrazione | OPA #Dipartimento #Giustizia #assicura #accordo #con #laffiliato #McDonalds #risolvere #denunce #discriminazione #legate #allimmigrazione #OPA

Il Dipartimento di Giustizia si assicura un accordo con l’affiliato di McDonald’s per risolvere le denunce di discriminazione legate all’immigrazione | OPA

Il Dipartimento di Giustizia ha annunciato oggi di aver raggiunto un accordo transattivo con Sutherland Management Company d/b/a McDonald’s, un franchisee con sede in California che gestisce quattro sedi McDonald’s nell’area di San Diego. L’accordo risolve le affermazioni secondo cui la società ha discriminato i cittadini non statunitensi durante il controllo del loro permesso di lavorare negli Stati Uniti.

“Secondo la legge federale, i datori di lavoro non possono discriminare chiedendo ai lavoratori più documenti del necessario, o documenti specifici, per dimostrare il loro permesso di lavorare a causa del loro stato di cittadinanza, stato di immigrazione o origine nazionale”, ha affermato l’assistente procuratore generale Kristen Clarke del Civil Divisione Diritti. “I dipendenti hanno il diritto – cittadini statunitensi e cittadini non statunitensi allo stesso modo – di scegliere quale documentazione valida e accettabile desiderano presentare per dimostrare il loro permesso di lavoro. La Divisione per i diritti civili continuerà a combattere le discriminazioni illegali sul posto di lavoro sulla base della cittadinanza, dello stato di immigrazione e dell’origine nazionale. Non vediamo l’ora di lavorare con Sutherland Management Company per garantire il rispetto di questo accordo e della legge federale applicabile”.

L’indagine del dipartimento è iniziata dopo che un cittadino non statunitense si è lamentato del fatto che la Sutherland Management Company ha rifiutato di accettare la sua documentazione valida che prova il suo permesso di lavorare e gli ha chiesto un documento diverso. L’indagine del dipartimento ha rivelato che la società discriminava regolarmente i cittadini non statunitensi, principalmente residenti permanenti legali, chiedendo loro di presentare documenti specifici emessi dal Dipartimento per la sicurezza interna per dimostrare il loro permesso di lavorare negli Stati Uniti. L’indagine ha anche rivelato che la Sutherland Management Company ha rifiutato di consentire al lavoratore che si è lamentato di iniziare a lavorare fino a quando non ha presentato la documentazione non necessaria. Secondo la legge federale, tutti i dipendenti hanno il diritto di scegliere quale documentazione valida desiderano presentare quando dimostrano di avere il permesso di lavorare negli Stati Uniti.

La disposizione antidiscriminazione dell’Immigration and Nationality Act (INA) vieta ai datori di lavoro di richiedere più documenti del necessario – o di specificare il tipo di documentazione che un lavoratore dovrebbe presentare – per dimostrare il loro permesso di lavoro, a causa della cittadinanza, dello stato di immigrazione o della nazionalità del lavoratore origine.

In base all’accordo, Sutherland Management Company pagherà $ 40.000 di sanzioni civili agli Stati Uniti, pagherà arretrati per la perdita di salario al lavoratore che si è lamentato, rivedrà e rivedrà le proprie politiche occupazionali per conformarsi alla disposizione antidiscriminazione dell’INA e formerà i suoi dipendenti che sono responsabili della verifica del permesso dei lavoratori di lavorare negli Stati Uniti.

La sezione per i diritti degli immigrati e dei dipendenti (IER) della Divisione per i diritti civili è responsabile dell’applicazione della disposizione antidiscriminazione dell’INA. Lo statuto vieta la discriminazione basata sullo stato di cittadinanza e sull’origine nazionale nell’assunzione, licenziamento o reclutamento o deferimento a pagamento; pratiche documentarie sleali; e ritorsioni e intimidazioni.

Scopri di più sul lavoro di IER e su come ottenere assistenza attraverso questo breve video. Trova maggiori informazioni su come i datori di lavoro possono evitare la discriminazione sullo status di cittadinanza sul sito web di IER. Candidati o dipendenti che ritengono di essere stati discriminati in base alla cittadinanza, allo stato di immigrazione o all’origine nazionale durante l’assunzione, il licenziamento, l’assunzione o durante il processo di verifica dell’idoneità al lavoro (Modulo I-9 ed E-Verify); o sottoposto a ritorsione, può sporgere denuncia. Il pubblico può anche chiamare la hotline dei lavoratori di IER al numero 1-800-255-7688 (1-800-237-2515, TTY per non udenti); chiamare la hotline del datore di lavoro di IER al numero 1-800-255-8155 (1-800-237-2515, TTY per non udenti); e-mail [email protected]; iscriviti a un webinar gratuito; oppure visita i siti web in inglese e spagnolo di IER. Iscriviti a GovDelivery per ricevere aggiornamenti da IER. Visualizza la traduzione in spagnolo di questo comunicato stampa qui.

Source link
#Dipartimento #Giustizia #assicura #accordo #con #laffiliato #McDonalds #risolvere #denunce #discriminazione #legate #allimmigrazione #OPA

%d bloggers like this: