ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

Il DHS lancia una campagna pubblicitaria chiedendo ai clandestini di non venire #DHS #lancia #una #campagna #pubblicitaria #chiedendo #clandestini #venire

Il DHS lancia una campagna pubblicitaria chiedendo ai clandestini di non venire

La Homeland Security ha presentato mercoledì una nuova campagna pubblicitaria in lingua spagnola rivolta agli aspiranti migranti, esortandoli a non mettere la propria vita nelle mani dei trafficanti che li stanno convincendo a intraprendere il viaggio.

Gli annunci verranno pubblicati su piattaforme digitali, cercando di combattere il messaggio dominante sui social media in questo momento che è relativamente facile entrare negli Stati Uniti Quel messaggio è condiviso dalle organizzazioni di trafficanti, ma anche dalle centinaia di migliaia di migranti che ci sono riusciti durante il viaggio – alcuni di loro sono stati catturati e poi rilasciati dal governo degli Stati Uniti e altri che sono sfuggiti del tutto al rilevamento.


“Il coyote ci ha mentito”, dice uno dei messaggi, usando il termine gergale per contrabbandieri. “Entrare illegalmente negli USA è un crimine. Dì no al coyote”.

Altri messaggi mostrano persone sconvolte per le didascalie che affermano che i loro parenti sono morti durante il viaggio e avvertono: “Non lasciare che distrugga la tua famiglia”.

Gli annunci sono rivolti ai residenti in Guatemala e Honduras.

Ma solo il 17% dei migranti che hanno scavalcato il confine meridionale a marzo proveniva da quei paesi, il che potrebbe limitare l’efficacia della campagna pubblicitaria.

“I trafficanti usano le bugie per attirare i più vulnerabili in un viaggio pericoloso che spesso finisce con la rimozione o la morte”, ha affermato Chris Magnus, commissario per la protezione delle dogane e delle frontiere. “Questa campagna pubblicitaria digitale è una componente importante degli sforzi del governo degli Stati Uniti per prevenire tragedie e ridurre la migrazione irregolare”.

La difficoltà è che il messaggio dei trafficanti spesso non è una bugia.

Secondo gli ultimi numeri pubblici, da marzo, dei 221.000 migranti catturati al confine, circa la metà è stata rapidamente respinta in base alla politica di chiusura delle frontiere pandemiche del Titolo 42. Circa 12.000 altri sono stati rimpatriati in base alle leggi sull’immigrazione.

I restanti 100.000 circa sono stati catturati e rilasciati al confine o consegnati alle forze dell’ordine dell’immigrazione e delle dogane per l’elaborazione. Anche l’ICE ha rilasciato la maggior parte di quei trasferimenti.

Dato il tasso di recidiva di coloro che sono soggetti al titolo 42 e il tasso di “fuga” – coloro che evitano del tutto di essere scoperti – il tasso di successo degli immigrati negli Stati Uniti che sono riusciti a prendere piede illegalmente è migliore del 50%.

Negli ultimi anni di Trump, era una piccola parte di quello.

Il più alto tasso di successo spiega perché l’amministrazione Biden sta già affrontando quella che ammette essere un’ondata “senza precedenti” al confine.

E quando il titolo 42 andrà via il 23 maggio, secondo i piani dell’amministrazione, quei numeri peggioreranno. La sicurezza interna si sta preparando per ben 18.000 valichi di frontiera al giorno, il che cancellerebbe tutti i record precedenti.

Il signor Magnus, in una testimonianza al Congresso mercoledì, ha detto ai legislatori che crede che la sua agenzia sia pronta ad accogliere coloro che stanno arrivando.

“Siamo in una buona posizione per fornire non solo un impegno efficiente ed efficace con i migranti, ma anche un trattamento umano di questi migranti”, ha affermato. Ha spuntato servizi come cure mediche e trasporti per aiutare a spostare i migranti negli Stati Uniti

Ciò include un ambiente accogliente per le persone transgender sorprese ad attraversare il confine illegalmente, che secondo lui hanno bisogno di spazio e cure speciali per poter raccontare le loro storie.

Ha detto che il governo deve dare loro delle opzioni, inclusa la possibilità di essere detenuti da soli in modo che non debbano affrontare i pericoli di altri migranti.

«È qualcosa che possiamo organizzare. Ma l’obiettivo è tenerli il più al sicuro possibile”, ha affermato Magnus.

Ha detto che stanno seguendo il piano in sei punti del segretario per la sicurezza interna Alejandro Mayorkas per far fronte all’impennata.

Il rappresentante John Rutherford, repubblicano della Florida, ha affermato che il piano non dice molto sul tentativo di scoraggiare l’impennata, ma piuttosto si concentra sull’accoglienza dei migranti.

“Tutto ciò riguarda l’elaborazione avanzata. Non stiamo cercando di fermare gli illegali, stiamo cercando di elaborarli più rapidamente”, ha affermato.

I repubblicani si stanno attrezzando con le proprie risposte.

Un gruppo di ex alti funzionari della sicurezza interna dell’amministrazione Trump ha emesso una serie di raccomandazioni mercoledì su cosa dovrebbe fare il GOP se prenderà il controllo del Congresso nelle elezioni di novembre.

Tra i passaggi c’è la creazione di un nuovo potere, simile al Titolo 42, per consentire la rapida espulsione dei migranti sorpresi ad attraversare il confine illegalmente; il rafforzamento del sistema di asilo, che è ciò di cui la maggior parte dei migranti abusa per guadagnare un rilascio rapido quando viene catturato al confine; e la riduzione del rilascio dei permessi di lavoro agli immigrati privi di documentazione. Quei permessi di lavoro servono come incentivo per le persone a venire, dicono gli analisti.

“Non è sufficiente per il prossimo Congresso riavviare semplicemente la costruzione del sistema di muri di confine o adeguare le risorse alla dogana e alla protezione delle frontiere”, hanno affermato i funzionari nella loro lettera, uniti da una grande coalizione di gruppi conservatori. “Sebbene queste siano misure importanti necessarie per proteggere i confini, senza chiudere le scappatoie e altri cambiamenti, le politiche dell’amministrazione Biden continueranno a fungere da potente calamita, attirando milioni di stranieri illegali nel nostro Paese”.

Il nuovo acquisto di annunci digitali di Homeland Security non affronta queste “scappatoie”, se non per suggerire che non funzionano per tutti.

La campagna è iniziata questa settimana ed è prevista per due mesi, proprio mentre l’amministrazione prevede l’inizio della nuova ondata post-Titolo 42.

La lotta ai trafficanti è uno dei compiti principali del nuovo “Comitato per la governance della disinformazione” della Sicurezza nazionale, annunciato da Mayorkas due settimane fa. Quel consiglio è stato deriso dai repubblicani come un tentativo maldestro di soffocare la libertà di parola degli americani.

Source link
#DHS #lancia #una #campagna #pubblicitaria #chiedendo #clandestini #venire

%d bloggers like this: