ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

ICE Probabilmente ti ha spiato – scheerpost.com #ICE #Probabilmente #spiato #scheerpostcom

ICE Probabilmente ti ha spiato – scheerpost.com

Una nuova indagine rivela che l’agenzia per l’immigrazione ha raccolto dati sulla maggior parte degli americani. È l’ultimo caso di una tendenza preoccupante.

Shutterstock

Di Farrah Hassen / OtherWords

Cresciuto nei sobborghi della California meridionale, la sorveglianza del governo non mi ha mai preoccupato. Ma i miei genitori siriano-americani erano più cauti. Spesso mi mettevano in guardia dal parlare di politica al telefono, nel caso in cui il Grande Fratello stesse ficcanaso.

Da adolescente, ho respinto le loro preoccupazioni. “Senti, non siamo in Medio Oriente”, ribatterei.

I miei genitori però sapevano meglio. Presto ricevetti un brusco risveglio all’indomani degli attacchi dell’11 settembre.

Quasi 1.200 persone, per lo più musulmani, sono state arrestate e detenute dopo gli attacchi, spesso per mesi senza accuse. Arabi e asiatici del sud sono stati profilati razzialmente ed espulsi per violazioni minori dell’immigrazione. L’FBI iniziò a sorvegliare le moschee in tutta l’America.

Come parte delle riforme della sicurezza interna dopo l’11 settembre, il Congresso ha creato l’agenzia statunitense per l’immigrazione e le dogane (ICE) nel 2003 per combattere apparentemente il terrorismo e far rispettare la legge sull’immigrazione. Ma la verità è che l’ICE ha continuato a usare la sua autorità di recente costituzione per spiare quasi tutti negli Stati Uniti.

Un’indagine indipendente della durata di due anni ha ora rivelato che l’ICE ha raccolto dati su centinaia di milioni di americani sotto un sistema di sorveglianza legalmente ed eticamente discutibile in gran parte al di fuori del controllo pubblico.

Il Center on Privacy and Technology di Georgetown Law ha scoperto questa rete a strascico dopo aver presentato oltre 200 richieste di Freedom of Information Act e aver esaminato i registri degli appalti dell’ICE dal 2008 al 2021.

Nel suo rapporto, pubblicato il 10 maggio, il Centro ha scoperto che l’ICE ha spiato la maggior parte degli americani senza un mandato e ha aggirato molte leggi statali sulla privacy, come quelle della California. Gli autori concludono: “L’ICE ora opera come agenzia di sorveglianza domestica”.

L’ICE ha svolto questa sorveglianza rivolgendosi a terze parti come i dipartimenti statali dei veicoli a motore, grandi società di servizi pubblici e broker di dati privati ​​come LexisNexis Risk Solutions.

Da queste fonti, ICE ha ottenuto l’accesso ai dati della patente di guida per 3 adulti su 4 che vivono negli Stati Uniti e ha scansionato un terzo delle foto della patente con la tecnologia di riconoscimento facciale. ICE è anche in grado di visualizzare oltre 218 milioni di record di clienti di servizi pubblici in tutto il paese, inclusi oltre la metà dei residenti della California.

Non sorprende che questa rete di sorveglianza abbia colpito più duramente le comunità di immigrati. L’agenzia ha preso di mira gli immigrati per l’espulsione sfruttando crudelmente la loro fiducia nelle istituzioni pubbliche, come quando persone prive di documenti richiedono la patente o si iscrivono a servizi essenziali come acqua ed elettricità.

Queste pratiche indicano un’agenzia che ha chiaramente oltrepassato i suoi confini. L’ICE non ha l’autorità del Congresso per fare questo tipo di raccolta di dati di massa sul pubblico. Questo superamento sottolinea la necessità di spostare la legge sull’immigrazione degli Stati Uniti lontano dallo status quo guidato dalla deportazione.

Sfortunatamente, questo programma ICE non è un caso isolato. Fa parte di un più ampio apparato di sorveglianza nazionale che abbraccia decenni e più agenzie federali, tra cui FBI, CIA e NSA, e alla fine ha un impatto su tutti noi.

Durante gli anni ’60 e ’70, le agenzie federali hanno spiato i manifestanti contro la guerra del Vietnam e i leader dei diritti civili. Più di recente, nel 2013 l’informatore Edward Snowden ha rivelato che la National Security Agency ha creato un massiccio programma di sorveglianza che raccoglieva segretamente registrazioni telefoniche su milioni di americani, indipendentemente dal fatto che fossero sospettati di eventuali illeciti.

E questo febbraio, i documenti appena declassificati hanno esposto il programma segreto di raccolta dati di massa della CIA per spiare gli americani. Il tipo di dati rimane riservato, ma i senatori Ron Wyden (D-OR) e Martin Heinrich (D-NM) hanno chiesto una maggiore trasparenza sulla sorveglianza degli americani da parte dell’agenzia.

Dovremmo essere tutti allarmati da questo crescente stato di sorveglianza interna. Lasciato incontrollato, corrode la fiducia del pubblico nelle nostre istituzioni democratiche e mina le nostre libertà civili, in particolare il diritto alla privacy assediato.

La storia della sorveglianza del governo dimostra che non possiamo mai dare per scontato questo diritto.

Farrah Hassen

Farrah Hassen, JD, è una scrittrice, analista politica e professore a contratto presso il Dipartimento di Scienze Politiche di Cal Poly Pomona.

Source link
#ICE #Probabilmente #spiato #scheerpostcom

%d bloggers like this: