ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

Gli Stati Uniti eliminano le restrizioni di viaggio covid #Gli #Stati #Uniti #eliminano #restrizioni #viaggio #covid

Gli Stati Uniti eliminano le restrizioni di viaggio covid

I viaggiatori internazionali non dovranno più mostrare la prova di un test di coronavirus negativo prima di imbarcare i voli per gli Stati Uniti, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione Biden venerdì, ponendo fine a uno degli ultimi requisiti di viaggio relativi alla pandemia della nazione.

Venerdì, il funzionario, parlando a condizione di anonimato, ha affermato che l’amministrazione ha deciso di sollevare i requisiti domenica alle 12:01, dopo che i centri per il controllo e la prevenzione dei centri per le malattie hanno stabilito che l’adozione diffusa di vaccini e trattamenti per Covid-19 NO più lo rendono necessario.

I viaggiatori americani avevano trattenuto i piani di vacanza all’estero a causa del mandato, preoccupati che sarebbero rimasti bloccati in paesi stranieri se avessero scoperto di essere infettati e sarebbero stati costretti a pagare migliaia di dollari in tasse alberghiere e altre spese, ha affermato Marc Casto, presidente, presidente, presidente, presidente, presidente del consiglio dell’American Society of Travel Advisors, un gruppo commerciale.

Al contrario, i viaggiatori internazionali negli Stati Uniti hanno dovuto affrontare l’incertezza di risultare positivi prima dell’inizio dei loro viaggi. I viaggiatori che non sono cittadini statunitensi, cittadini statunitensi, residenti permanenti legali o che viaggiano negli Stati Uniti con un visto di immigrazione devono comunque mostrare la prova della vaccinazione prima di salire a bordo del volo.

La decisione è stata accolta con gioia nel settore dei viaggi, che per mesi ha esercitato pressioni sull’amministrazione affinché si sbarazzasse della regola dei test.

“È un miracolo del venerdì”, ha detto Casto. “È enorme. È monumentale.”

L’industria dei viaggi duramente colpita è già nel mezzo di una ripresa, ma Casto ha affermato di ritenere che l’abbandono del mandato porterebbe a un aumento percentuale a due cifre del numero di persone che volano e soggiornano in hotel all’estero.

La US Travel Association, un gruppo commerciale, prevede che l’abbandono dei requisiti di test porterà 5,4 milioni di visitatori internazionali in più negli Stati Uniti e 9 miliardi di dollari in spese di viaggio aggiuntive fino alla fine dell’anno.

“La giornata di oggi segna un altro enorme passo avanti per la ripresa dei viaggi aerei in entrata e il ritorno dei viaggi internazionali negli Stati Uniti”, ha affermato Roger Dow, amministratore delegato della US Travel Association. “L’amministrazione Biden deve essere elogiata per questa azione, che accoglierà visitatori da tutto il mondo e accelererà la ripresa dell’industria dei viaggi negli Stati Uniti”.

Il requisito del test è stato introdotto per la prima volta nel gennaio 2021, quando meno del 10% degli americani è stato vaccinato e le nuove infezioni stavano raggiungendo livelli record.

Nel dicembre 2021, tra le crescenti preoccupazioni sulla variante omicron, il CDC ha inasprito la regola richiedendo ai viaggiatori di presentare un test negativo effettuato entro 24 ore dalla partenza. In precedenza, era richiesto un test sostenuto entro tre giorni.

Il mandato delle maschere dell’amministrazione, che richiedeva a tutti i passeggeri degli aerei e di altri mezzi di trasporto pubblico di indossare maschere, è stato annullato ad aprile da un giudice federale nominato dall’ex presidente Donald Trump.

Il requisito del test era anche impopolare tra molti viaggiatori, che hanno affrontato la prospettiva di rimanere bloccati all’estero dopo essere risultati positivi.

Il CDC raccomanda ai viaggiatori di isolare e ritardare il viaggio di 10 giorni indipendentemente dai sintomi o da un test negativo effettuato durante il periodo di isolamento. Alcune persone che non volevano aspettare così a lungo hanno utilizzato una rotta “backdoor”, tornando a casa attraverso i confini terrestri con Canada e Messico, che non richiedono un test per il coronavirus.

Per il presidente Joe Biden, la decisione di abbandonare il requisito è una gradita notizia in un momento in cui l’amministrazione sta lottando su una serie di fronti. I funzionari della Casa Bianca hanno descritto la decisione come una conferma degli sforzi del presidente per combattere in modo aggressivo il virus.

I nuovi casi confermati negli Stati Uniti sono stati approssimativamente stabili a circa 110.000 in media al giorno a partire da giovedì nelle ultime due settimane, secondo un database del New York Times, dopo essere aumentati da meno di 30.000 di pochi mesi fa.

Tuttavia, si ritiene che le infezioni siano ampiamente sottostimate, poiché i risultati dei test a domicilio spesso non vengono riportati ufficialmente e molte persone con sintomi lievi o assenti potrebbero non testare affatto. Il conteggio dei decessi è stato volatile nelle ultime settimane, ma rimane in media al di sotto di 400 al giorno.

RISPOSTE MISTI

Gli esperti sanitari hanno affermato che la fine dei requisiti di test, combinata con la revoca di altri mandati di viaggio legati alla pandemia, segnala una nuova fase in cui le persone dovranno sempre più prendere le proprie decisioni sulla sicurezza.

La decisione del CDC era importante e in ritardo, ha affermato la dott.ssa Luciana Borio, ex capo scienziata presso la Food and Drug Administration che ha anche supervisionato la preparazione della salute pubblica per il Consiglio di sicurezza nazionale. Ha detto che gli scienziati federali dovevano continuare a considerare gli obiettivi della risposta alla pandemia e l’efficacia di determinati interventi. La maggior parte delle trasmissioni, ha detto, avveniva a livello nazionale.

“Se l’idea è di ridurre al minimo il numero di casi di covid in questo paese, l’impatto dello screening all’ingresso è trascurabile”, ha affermato. “Siamo a un punto in cui abbiamo gli strumenti per ridurre al minimo la morbilità e la mortalità associate al virus. Dovremmo concentrarci sulle misure più efficaci”.

La regola, ha aggiunto, “ha un impatto sproporzionato anche sulle persone che non possono permettersi di rimanere bloccate in un paese internazionale”.

Ma la decisione ha suscitato critiche e allarmi da altri angoli del campo della salute pubblica.

Meegan Zikus, un bioeticista della Grand Valley State University nel Michigan che è immunocompromesso, ha affermato che la revoca del mandato “ignora completamente la sicurezza e il benessere delle persone ad alto rischio”.

“Sollevare i test covid per i viaggi internazionali nega completamente che rimanga una pandemia mondiale”, ha affermato. “Il mondo è esausto per la pandemia. Cercare di fingere che sia finita è distruttivo, ignorante e fa male a chi è meno in grado di proteggersi”.

Ma William Hanage, ricercatore di sanità pubblica presso la Harvard Th Chan School of Public Health, ha affermato che mentre il cambiamento potrebbe portare ad alcune nuove infezioni negli Stati Uniti, avrebbe un effetto considerevolmente più piccolo rispetto ad altre decisioni politiche, come il sollevamento maschera mandati.

“Le restrizioni di viaggio hanno senso quando c’è una grande differenza tra prevalenza e rischio quando si passa tra i punti A e B. Se non c’è una grande differenza, non sono particolarmente preziose”, ha affermato. “In molte parti del mondo, ora c’è meno infezione che negli Stati Uniti, ed è molto più probabile che tu venga infettato in un bar a New York City o altrove rispetto alla maggior parte dei luoghi casuali all’estero”.

Il funzionario dell’amministrazione Biden ha affermato che il CDC valuterà nuovamente la decisione in 90 giorni e ha aggiunto che il requisito per i test pre-partenza potrebbe essere ripristinato se ci sono nuove preoccupazioni su un’altra variante.

Il funzionario ha detto che l’agenzia continuerà a raccomandare i test per i viaggi.

VIAGGIATORI LIETI

Alcuni viaggiatori americani attualmente in viaggio all’estero hanno tirato un sospiro di sollievo venerdì.

Lucia Torres, 39 anni, che martedì è prenotata per tornare a casa in Florida dalla Spagna con suo marito, ha detto di aver cancellato alcune attività programmate per gli ultimi giorni delle sue vacanze perché temeva che sarebbe risultata positiva prima del suo volo di ritorno. Lei e suo marito sono vaccinati e potenziati.

“Quando abbiamo prenotato la nostra vacanza abbiamo deciso di correre il rischio, ma non siamo stati in grado di rilassarci completamente perché è sempre nelle nostre teste”, ha detto. “Ora non dobbiamo preoccuparci; posso prenotare un massaggio, andare a una festa, fare qualunque cosa le persone facciano in vacanza.”

La fine del requisito ridurrà i costi per alcuni viaggiatori poiché non devono più pagare per i test.

Elaine Sosnowski dell’Arizona ha detto che lei e la sua famiglia dovrebbero tornare negli Stati Uniti poiché l’ordine entrerà in vigore domenica. Sono stati in Italia per due settimane durante un viaggio originariamente previsto nel 2020.

“Attualmente abbiamo in programma di eseguire i test preflight in circa 11 ore al costo di circa $ 300 e una discreta quantità di inconvenienti”, ha detto in una e-mail. “Sarebbe bello evitare questo costo ed evitare la seccatura di far sì che tutti fanno un test.”

L’annuncio è stato così fresco venerdì, ha detto, che né l’ambasciata degli Stati Uniti a Roma né la compagnia aerea attraverso la quale ha prenotato i biglietti, Delta Air Lines, hanno potuto confermare che la politica era cambiata.

“Questa è la vita dei viaggi internazionali”, ha scritto. “Tutto sommato, ne vale ancora la pena, ma le dita hanno attraversato questo requisito verrà revocato prima di sostenere questa spesa.”

David Freedman, presidente eletto dell’American Society of Tropical Medicine and Hygiene e professore emerito di malattie infettive presso l’Università dell’Alabama a Birmingham, ha affermato che la strategia alla base dei test e del mascheramento è sempre stata quella di rallentare la diffusione del virus.

“Non lo manterrai mai fuori, qualunque cosa tu faccia”, ha detto. “Ma se siamo in grado di ritardare la sua introduzione in un modo che sia diffuso fino a quando non avremo vaccini migliori, questo aiuta”, ha detto.

Freedman ha affermato che è difficile determinare quale effetto avranno le misure di viaggio ridotte legate alla pandemia sul numero di infezioni. Mentre la nazione entra in una nuova fase, ha affermato, spera che le persone continuino a essere caute tenendo presente che il virus rappresenta ancora dei rischi.

Le informazioni per questo articolo sono state fornite da Michael D. Shear, Ceylan Yeginsu e Maria Cramer del New York Times e da Lori Aratani e Tyler Pager del Washington Post.

Source link
#Gli #Stati #Uniti #eliminano #restrizioni #viaggio #covid

%d bloggers like this: