ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

Cure sanitarie per l’immigrazione per i medici: un’impresa donchisciottesca? – Immigrazione generale #Cure #sanitarie #limmigrazione #medici #unimpresa #donchisciottesca #Immigrazione #generale #vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Cure sanitarie per l’immigrazione per i medici: un’impresa donchisciottesca? – Immigrazione generale

Per stampare questo articolo è sufficiente essere registrati o effettuare il login su Mondaq.com.

Il 12 febbraio 2022, la Subcommittee on Immigration and Citizenship of the House Committee on the Judiciary ha tenuto un’audizione molto istruttiva sull’importanza dei medici stranieri nel sistema sanitario degli Stati Uniti (USA). L’udienza era intitolata “C’è un dottore in casa? Il ruolo dei medici immigrati nel sistema sanitario degli Stati Uniti”. La testimonianza fornita sottolinea il ridicolo labirinto di regole sull’immigrazione destinate a complicare e causare una continua imprevedibilità per i medici stranieri che cercano di ottenere l’approvazione per servire il pubblico degli Stati Uniti, anche quando un disperato bisogno.

Il Dr. David J. Skorton, Presidente e Amministratore delegato dell’Association of American Medical Colleges (AAMC), un’organizzazione no-profit composta da membri di tutte le 155 scuole mediche accreditate statunitensi e 16 canadesi accreditate, ha delineato i seguenti punti critici:

  • Sulla base della revisione dell’AAMC dei dati dell’American Medical Association (AMA) nel 2020 per gli studi medici, circa il 23% dei medici attivi che esercitano negli Stati Uniti si è identificato come nato all’estero. Molti dei quali ora sono cittadini statunitensi o residenti permanenti legali.

  • AAMC prevede che la carenza complessiva di medici crescerà fino a un totale compreso tra 37.800 e 124.000 entro il 2034. Questa proiezione include carenze di medici di base tra 17.800 e 48.000; e tra 21.000 e 77.100 medici per quanto riguarda le specialità di cure non primarie.

  • Dal punto di vista accademico, il numero di studenti di medicina del primo anno è cresciuto di quasi il 35% dal 2002 a causa dell’aumento delle dimensioni delle classi e dell’apertura di 30 nuove scuole.1 Inoltre, altre cinque scuole di medicina hanno presentato domanda per l’accreditamento, come indicato sul sito web del Comitato di collegamento per l’educazione medica (LCME).2 L’LCME accredita programmi di formazione medica che portano a una laurea in medicina negli Stati Uniti e in Canada.

  • L’aumento delle iscrizioni alle scuole di medicina degli Stati Uniti, tuttavia, non aumenta la dimensione della forza lavoro dei medici senza un aumento coordinato delle posizioni di residenza per la formazione medica laureata (GME). Pertanto, l’AAMC sostiene la disposizione del Resident Physician Shortage Reduction Act del 2021 (HR 2256, S. 834 – 117th Congresso), che aggiunge 14.000 posizioni GME supportate da Medicare oltre sette anni.

  • La testimonianza di Skorton rileva anche che una ricerca pubblicata sulla rete Journal of the American Medical Association (JAMA) ha dimostrato che oltre il 99% di tutti i diplomati della USMD entra in un programma di residenza o pratica a tempo pieno negli Stati Uniti entro sei anni dalla laurea.3

Per quanto riguarda l’attuale dipendenza degli Stati Uniti dai residenti medici stranieri, sulla base del censimento nazionale GME sponsorizzato annualmente dall’AMA e dall’AAMC, circa l’8% dei residenti sanitari negli Stati Uniti si trovava negli Stati Uniti come titolari di visto non immigranti (ad esempio, tipicamente J-1 o H- 1B).4 La rappresentante Sheila Jackson Lee ha dichiarato nella sua testimonianza che a novembre del 2020 i laureati in medicina internazionale (IMG) hanno rappresentato il 45% dei decessi medici a causa del COVID-19. Inoltre, ha fatto riferimento alla previsione dell’AAMC secondo cui entro il 2034 il numero di persone negli Stati Uniti di età superiore ai 65 anni aumenterà di oltre il 40%.

Soluzioni

La testimonianza all’udienza ha presentato un’ampia varietà di soluzioni ben studiate per gli ostacoli impegnativi che gli IMG devono affrontare per ottenere visti per non immigranti per il GME e per richiedere eventualmente la residenza permanente negli Stati Uniti5 Per coloro che sostengono l’approvazione di soluzioni legislative alle carenze dei nostri medici, che includono IMG, la seguente legislazione in sospeso deve essere presa in considerazione e, si spera, supportata:

  1. Il Conrad 30 J-1 Visa Waiver Program è stato riautorizzato solo dal Fiscal Year 2022 Omnibus Spending Bill fino al 30 settembre 2022. Il Conrad State 30 and Physician Access Reauthorization Act (HR 3541 / S.1810), introdotto alla Camera a maggio 2021 prevede le seguenti modifiche primarie:

  • Proroga il programma Conrad per tre anni dall’emanazione del disegno di legge.

  • Aumenta il numero di esenzioni che uno stato può ottenere da 30 a 35, se un certo numero di esenzioni è stato utilizzato in precedenza dallo stato oltre a fornire ulteriori adeguamenti relativi alla domanda.

  • Consente l’impiego di un medico presso un centro medico accademico per il programma Conrad, se il lavoro è nell’interesse pubblico anche se il centro medico non si trova in un’area medicalmente sottoservita (MUA) o in un’area di carenza di professionisti sanitari (HPSA).

  • Consente ai medici qualificati che non sono stati selezionati per gli slot Conrad di un anno fiscale di estendere il loro status per un massimo di sei mesi per rimanere negli Stati Uniti per presentare nuovamente domanda di esenzione per l’anno fiscale successivo.

  • Ripristinare uno slot Conrad in uno stato di emissione quando un medico beneficiario si trasferisce in un altro stato a causa di circostanze attenuanti.

2. 1810 introdotto dal senatore Klobuchar (D-MN) ha attualmente 25 co-sponsor.

3. La legge sulla resilienza della forza lavoro sanitaria (HR 2255/S.1024) è stata introdotta alla Camera nel marzo 2021 e propone di fornire sollievo ai medici soggetti a arretrati estremamente lunghi per i visti di immigrazione. Attualmente, S. 1024, introdotto dal senatore Durbin (D-Il), conta 25 co-sponsor. Alcune delle disposizioni incluse sono:

  • Conserva i visti di immigrazione basati sul lavoro non utilizzati dagli anni fiscali federali dal 1992 al 2020 per infermieri e medici, che richiedono tali visti di immigrazione prima della data che è 90 giorni dopo la fine dell’emergenza nazionale COVID-19 dichiarata. Il numero di 40.000 visti per lavoro non utilizzati disponibili sarà riservato come segue: 25.000 per infermieri e 15.000 per medici.

  • I visti di immigrazione consentiti dal disegno di legge sono esentati dalle normali limitazioni annuali per paese, il che ovviamente fornisce sollievo alle categorie gravemente sottoscritte per individui provenienti dall’India e dalla Cina, ad esempio.

  • I familiari che accompagnano i principali richiedenti il ​​visto di immigrazione non verranno conteggiati nel limite di 40.000.

  • L’elaborazione del premio senza commissioni sarà disponibile presso i servizi di cittadinanza e immigrazione degli Stati Uniti (USCIS) per la revisione e l’adozione di petizioni e domande per gli immigrati idonei ai sensi dei numeri riservati per il visto di immigrazione delineati.

Altre correzioni da considerare tra molte altre includono:

  1. Espandere l’ambito del programma di esenzione clinica J-1 del Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) degli Stati Uniti per includere sottospecialità e sedi di pratica in HPSA o MUA senza limitazioni di un determinato punteggio.

  2. Espandere le esenzioni dal limite H-1B da applicare agli IMG che svolgono servizi in HPSA o MUA o in località adiacenti che servono principalmente pazienti Medicaid, ad esempio.

  3. Il tempo esente speso per completare il GME dal limite di sei anni H-1B allo stato H-1B.

  4. Aggiungi la professione dei medici che prestano servizio in MUA o HPSA all’Allegato A per la certificazione del lavoro.

  5. Consenti ai coniugi di lavorare in caso di incidente in base al fatto di essere a carico di un medico H-1B che presta servizio in un’area svantaggiata.

Si prevede inoltre che la nostra carenza di assistenza sanitaria di medici sarà esacerbata dall’aumento dei pensionamenti degli attuali fornitori. Per una minaccia alla sicurezza pubblica così chiaramente evidenziata dalla pandemia, è incomprensibile che gli Stati Uniti non abbiano srotolato un tappeto rosso per facilitare l’aumento dei programmi di residenza e il finanziamento del GME per i laureati delle scuole di medicina statunitensi, nonché il passaggio di fatture e modifiche procedurali ridurre l’attuale trauma creato dalle continue disfunzioni della legge sull’immigrazione e dalle divisioni politiche.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Healthcare Michigan, luglio 2022.

Note a piè di pagina

1. – Indagine AAMC sulle iscrizioni alle scuole di medicina: risultati 2020 (ottobre 2021).

2.

3.

4.

5. Si prega di fare riferimento al background dettagliato dell’immigrazione incluso nella testimonianza presentata per l’udienza da Kristen A. Harris dello studio legale Harris Immigration.

Il contenuto di questo articolo ha lo scopo di fornire una guida generale all’argomento. Dovrebbe essere richiesto il parere di uno specialista sulle circostanze specifiche.

ARTICOLI POPOLARI SU: Immigrazione dagli Stati Uniti

DHS che termina le politiche del modulo temporaneo I-9 relative al COVID-19

Masuda, Funai, Eifert & Mitchell, Ltd.

Il Dipartimento per la sicurezza interna (DHS) degli Stati Uniti sta terminando il suo modulo temporaneo I-9 relativo al COVID-19, Verifica dell’idoneità all’occupazione, a causa della riapertura degli uffici governativi.

#vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Source link
#Cure #sanitarie #limmigrazione #medici #unimpresa #donchisciottesca #Immigrazione #generale

%d bloggers like this: