ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

Come il Brighton sta conquistando i fan negli Stati Uniti con il Seacoast United #Brighton #sta #conquistando #fan #negli #Stati #Uniti #con #Seacoast #United #vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Come il Brighton sta conquistando i fan negli Stati Uniti con il Seacoast United

L’ex centrocampista del Middlesbrough Robbie Mustoe, ora presentatore della Premier League per la NBC Sports negli Stati Uniti, è rimasto scioccato nel vedere così tante sciarpe di Brighton e Hove Albion al Fan Fest dell’emittente televisiva a New York.

“Abbiamo preso due autobus da 55 passeggeri, siamo scesi di notte e c’erano oltre 100 persone”, spiega Paul Willis, il fondatore inglese di Seacoast United.

Una dimostrazione di forza in uno degli eventi ospitati dalla NBC in tutta l’America il sabato mattina, progettato per sposare il coinvolgimento dei fan con le partite in diretta della Premier League (che vanno in onda a causa della differenza di fuso orario di cinque ore rispetto alle città della costa orientale come New York), è un esempio di come la partnership di Brighton con Seacoast stia guadagnando terreno negli Stati Uniti.

Le visite di scambio che hanno coinvolto giocatori dell’accademia, allenatori e personale sono state interrotte dalla pandemia di COVID-19.

Eppure la stretta relazione tra Brighton e Seacoast, una fusione di club comunitari negli stati nord-orientali del New Hampshire, del Massachusetts e del Maine, sta ora riprendendo a crescere.

L’amministratore delegato del Brighton, Paul Barber, ha incontrato Willis nella vicina Boston all’inizio di aprile per discutere del legame in corso tra i club.

Barber dice: “E’ un arrangiamento interessante, qualcosa su cui stiamo lavorando da cinque anni. È una strategia a lungo termine, non ci sono formalità. Non abbiamo investito in Seacoast in termini di acquisizione di una quota di business, ma questa opportunità esiste se lo volessimo”.

L’associazione di Brighton con gli Stati Uniti è in gran parte trasparente. L’American Express è lo sponsor principale del club dal 2010, quando si è assicurata i diritti di denominazione per lo stadio che è stato la casa del club dall’estate dell’anno successivo.

Amex è poi diventato lo sponsor principale della maglia del Brighton nel 2013 e detentore dei diritti sul nome per il complesso di allenamento di Lancing un anno dopo.

La società di servizi finanziari con sede a New York, che è uno dei principali datori di lavoro nell’area di Brighton, ha ulteriormente consolidato i suoi legami con il club nell’estate del 2019 con un pacchetto di sponsorizzazione di 12 anni che vale più di 100 milioni di sterline (118 milioni di dollari). ).

Meno si sa del collegamento di basso profilo con Seacoast.

I club sono stati riuniti dal gigante americano dell’abbigliamento sportivo Nike, che è il fornitore di kit del Brighton dal 2014.

Il Brighton desiderava prendere piede negli Stati Uniti in modo innovativo. Barber è stato messo in contatto con Willis presso Seacoast, uno dei principali clienti Nike, durante una visita alla sede del marchio globale nello stato della costa occidentale dell’Oregon.

costa unita


Il Seacoast United ha 3.500 giocatori in squadre di diverse fasce di età dai nove ai 17 anni

Seacoast ha 3.500 ragazzi e ragazze di età compresa tra nove e 17 anni che rappresentano il club, tutti in divisa Nike.

La crescita di Seacoast dagli inizi umili risuona anche con l’ascesa del Brighton dal quasi oblio e senzatetto negli anni ’90 a infrastrutture di alto livello e il record della scorsa stagione nono posto in Premier League.

Willis, 57 anni, ha giocato con Paul Gascoigne per la squadra under 19 del Newcastle United all’inizio degli anni ’80.

Terzino destro, non aveva abbastanza talento per fare il voto con il club della sua città, ma il Newcastle lo ha aiutato a assicurarsi un posto dall’altra parte dell’Atlantico al West Virginia Wesleyan College.

Dopo aver suonato per Wesleyan e aver completato la sua formazione, Willis ha lavorato nel dipartimento di ammissione. Ha concordato un nuovo ruolo, trasferendosi per guidare i piani di espansione del college nelle aree del paese più a nord. Wesleyan ha anche sostenuto la sua richiesta di visto per soggiornare negli Stati Uniti.

“Ho fondato un club (Seacoast) solo per restituire alla comunità”, spiega Willis. “Nel 1992 avevamo due squadre maschili – under 14 e under 16 – e non c’erano infrastrutture nell’area.

“All’inizio del 1996 decisi di provare. Non avevamo soldi, era solo l’opportunità: ‘Se qualcuno potesse dedicare il proprio tempo a fare questo, qual è la differenza che potresti fare?’.

“Stavo correndo un’enorme possibilità, nel senso che non c’era uno stipendio all’inizio, ma sapevo dove stava andando il calcio in questo paese”.

Willis è stato inizialmente collaborato da Mike Noonan, ex capo allenatore presso l’Università del New Hampshire e ora nello stesso lavoro presso la Clemson University nella Carolina del Sud.

Successivamente ha unito le forze con David e Ian Burgess, fratelli che avevano suonato in Inghilterra rispettivamente per Tranmere Rovers e Barrow. Hanno anche attraversato il sistema universitario degli Stati Uniti.

Seacoast ha iniziato su piccola scala organizzando campi di calcio. L’interesse è esploso quando hanno sfruttato i rigidi inverni del New England, che hanno reso impraticabile il calcio nella regione tutto l’anno, anche sui campi in artificiale.

“Non c’erano strutture interne”, dice Willis. “Nel 1997, parliamo di un’ala e di una preghiera, abbiamo costruito una struttura al coperto quando nessuno giocava a calcio indoor o si allenava durante l’inverno.

“Abbiamo ragazzi di tre, quattro e cinque anni, over 40, un campionato femminile… quindi abbiamo coinvolto l’intera comunità. Sembrava una serie di mini piste di hockey su ghiaccio. Avere dashboard (intorno ai perimetri) ci ha permesso di fare pubblicità, che ha generato denaro”.

Ciò ha prodotto un’equità da espandere. Nel 2006 Seacoast ha costruito una struttura all’aperto con quattro campi in artificiale e luci.

È diventato una scuderia di club comunitari con 60 dipendenti e un fatturato annuo di circa 14 milioni di dollari (11,7 milioni di sterline).

Oltre ai 3.500 giocatori di diverse fasce d’età, quest’estate Seacoast gestisce otto campi residenziali completamente abbonati nel New Hampshire e nel Maine per altri 1.500 ragazzi tra i 9 ei 17 anni, utilizzando scuole private fuori corso per l’alloggio.

Organizzano tornei e le loro strutture sono utilizzate da una serie di leghe sportive locali, che si ramificano nel basket, nell’hockey su prato e nel lacrosse.

Si stima che l’anno scorso Seacoast abbia servito oltre 50.000 atleti dai tre ai 40 anni nel New Hampshire, nel Maine e nel Massachusetts.

Barber, un relatore in passato alla conferenza annuale di Seacoast, afferma: “Dimostra semplicemente che se si impostano le cose correttamente, si investe in buone strutture, si prendono cura dei bambini, si allevano bene, si assumono brave persone, si costruiscono le giuste relazioni, si può costruire un ottimo affare nel settore del calcio praticamente dal nulla. Non hanno l’aspirazione di essere un club MLS, vogliono solo essere una rete davvero buona e forte di squadre di calcio comunitarie”.

Riprendono le visite di scambio che coinvolgono giocatori, squadre e allenatori. L’affiliazione con Seacoast offre a Brighton uno sguardo in prima persona su molti giovani talenti.

È in programma anche un tour pre-stagionale negli Stati Uniti, che condivide l’hosting della Coppa del Mondo 2026 con Canada e Messico.

Willis afferma: “Vogliamo dare il via a una partnership internazionale. L’identificazione del giocatore è così piccola, ma potrebbe succedere. Ci sono molti giocatori molto bravi qui che, con la giusta connessione, potrebbero finire per essere laggiù.

“L’altra parte è l’immagine, il marchio di Brighton. L’atmosfera, la mentalità, la cultura attraverso il club è molto simile a noi”.

(Foto: Paul Willis/Seacoast United)


#vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Source link
#Brighton #sta #conquistando #fan #negli #Stati #Uniti #con #Seacoast #United

%d bloggers like this: