ClickCease
Categories
America Visti NEWS CHANNEL: Visti USA – ESTA Stati Uniti – Immigrazione USA – Visti Turistici USA – Visto Lavoratio USA – Visto Investitore USA

Ai richiedenti asilo è stato permesso di entrare negli Stati Uniti dopo la fine del “rimanere in Messico”. #richiedenti #asilo #stato #permesso #entrare #negli #Stati #Uniti #dopo #fine #del #rimanere #Messico #vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Ai richiedenti asilo è stato permesso di entrare negli Stati Uniti dopo la fine del “rimanere in Messico”.

Iscriviti a The Brief, la nostra newsletter quotidiana che tiene i lettori aggiornati sulle notizie più importanti del Texas.

EL PASO — Willian si è svegliato prima dell’alba di un martedì recente, ha messo i suoi documenti legali in una cartella blu ed è salito su un furgone con altri migranti verso uno dei ponti internazionali che collegano El Paso e Ciudad Juárez.

Al porto di ingresso, il richiedente asilo dell’Ecuador, 46 anni, è stato cancellato dai Protocolli di protezione dei migranti, o MPP. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha recentemente stabilito che l’amministrazione Biden aveva il diritto di porre fine formalmente alla politica dell’era Trump. Il programma, noto anche come “rimanere in Messico”, ha costretto migliaia di richiedenti asilo ad aspettare in Messico mentre i loro casi si facevano strada attraverso i tribunali statunitensi.

Anno Domini

I funzionari dell’immigrazione hanno trasportato Willian e almeno altri otto migranti al tribunale per l’immigrazione di El Paso, dove i giudici hanno dato loro il permesso di rimanere negli Stati Uniti. Possono continuare i loro casi di asilo nei tribunali più vicini a dove si stabiliscono.

Dopo la sua udienza, Willian – che ha chiesto di essere identificato con il suo nome per paura che i criminali in Ecuador potessero prendere di mira la sua famiglia – è uscito dal tribunale e ha sentito un senso di sollievo pervaderlo. In un rifugio per migranti a pochi isolati di distanza, ha aspettato che sua nipote lo andasse a prendere prima di prendere un volo per New York City. Ha intenzione di rimanere lì con sua cognata fino a quando il suo caso di asilo non sarà deciso.

Era la prima volta che metteva piede sul suolo americano da persona libera dopo aver aspettato un mese in un rifugio di Ciudad Juárez.

“Penso che finalmente riuscirò a dormire bene la notte. A Juárez non riuscivo a dormire molto bene”, ha detto Willian mentre si trovava fuori dalla Casa dell’Annunciazione, dove un volontario stava somministrando test rapidi COVID-19 ai migranti prima che entrassero.

Anno Domini

Willian è tra i 7.112 che sono stati iscritti a “rimanere in Messico” e sono stati rimpatriati in Messico dopo l’iscrizione iniziale sotto l’amministrazione Biden dopo che il giudice distrettuale degli Stati Uniti con sede ad Amarillo Matthew J. Kacsmaryk gli ha ordinato di riavviare il programma a dicembre. I difensori dei diritti degli immigrati hanno affermato che il programma ha messo i richiedenti asilo vulnerabili in situazioni pericolose nelle città di confine messicane.

Non tutti i migranti richiedenti asilo erano iscritti al MPP. Gli agenti dell’immigrazione hanno anche la facoltà di lasciare che un migrante entri nel paese per presentare una richiesta di asilo o di rimandarlo in Messico ai sensi del Titolo 42, l’ordine sanitario di emergenza che i funzionari dell’immigrazione hanno utilizzato 2,1 milioni di volte da marzo 2020 per espellere rapidamente le persone che cercano di entrare gli Stati Uniti

Anno Domini

Durante l’amministrazione Trump, 70.000 richiedenti asilo sono stati inviati oltre confine nell’ambito del programma, lanciato nel gennaio 2019. L’amministrazione Biden lo ha annullato nel giugno 2021, scatenando una causa da parte del Texas e del Missouri che sosteneva che la decisione violava le leggi amministrative e sull’immigrazione e ha costretto gli stati a spendere risorse per i migranti per necessità quali la patente di guida, l’istruzione per i bambini migranti e l’assistenza ospedaliera.

I migranti venezuelani che cercano un posto dove stare per la notte parlano con un volontario al rifugio per migranti locale, Annunciation House, martedì 23 agosto 2022 a El Paso, in Texas.

I migranti venezuelani in cerca di un posto dove stare per la notte martedì hanno parlato con un volontario dell’Annunciation House, un rifugio per migranti locale a El Paso. Credito: Ivan Pierre Aguirre per The Texas Tribune

In una rara vittoria per l’amministrazione Biden sulla politica di immigrazione, la Corte Suprema degli Stati Uniti a giugno ha stabilito che l’amministrazione aveva il diritto legale di porre fine al programma. Kacsmaryk, il giudice federale, ha quindi annullato il suo ordine.

Anno Domini

Alcuni difensori dei diritti degli immigrati hanno criticato il presidente Joe Biden per non aver interrotto immediatamente il programma dopo la sentenza della Corte Suprema. L’8 agosto, cinque settimane dopo, il Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti ha dichiarato che i migranti inseriti nel programma sarebbero stati cancellati alla prossima data del tribunale negli Stati Uniti

“Come Segretario [Alejandro] Mayorkas ha affermato che MPP ha difetti endemici, impone costi umani ingiustificabili e sottrae risorse e personale ad altri sforzi prioritari per proteggere il nostro confine”, ha affermato il DHS in una dichiarazione all’inizio di questo mese.

Un finale sconnesso

Da quell’annuncio, la fine effettiva di MPP è stata accidentata.

Marysol Castro, un avvocato responsabile dei servizi diocesani per i migranti e i rifugiati a El Paso, che fornisce una rappresentanza legale pro bono e a basso costo ai migranti, ha dichiarato nella prima settimana dopo la fine dell’MPP che un giudice ha negato la richiesta del suo cliente di continuare il caso in un tribunale diverso del Texas perché non era chiaro se i migranti rilasciati dal programma sarebbero stati autorizzati a entrare negli Stati Uniti

Anno Domini

In un altro caso, ha detto che una coppia e il loro figlio dell’Honduras che erano stati collocati in MPP non avevano una data in tribunale fino al 2023, il che significava che avrebbero dovuto rimanere in Messico per almeno un altro anno. Ha presentato una mozione per anticipare l’udienza in tribunale e la scorsa settimana sono stati cancellati dall’arruolamento, rilasciati direttamente dal tribunale e trasferiti a Tyler.

Castro ha anche detto che alcune persone iscritte all’MPP sono arrivate alle udienze del tribunale a El Paso ignare che sarebbero state immediatamente rilasciate negli Stati Uniti – e non avrebbero più potuto attraversare il confine – quindi alcune di loro hanno dovuto lasciare i propri effetti personali.

Essere rimosso dall’MPP e autorizzato a entrare negli Stati Uniti aumenta notevolmente le possibilità dei migranti di ottenere l’asilo, secondo i dati compilati dalla Transactional Records Access Clearinghouse della Syracuse University.

Solo il 2,4% delle persone collocate in MPP sotto l’amministrazione Biden ha ottenuto l’asilo. In confronto, il 50% dei richiedenti asilo che sono stati ammessi negli Stati Uniti mentre i loro casi erano pendenti ha ottenuto protezione legale nello stesso periodo.

Anno Domini

Castro ha detto che un avvocato del governo le ha detto di recente in tribunale che il suo cliente sarebbe stato espulso ora che l’MPP era finito. Ha detto di aver spiegato all’avvocato e al giudice che la fine dell’MPP non significa che i casi dei richiedenti asilo siano finiti, ma consente loro di entrare negli Stati Uniti fino a quando non verrà presa una decisione sui loro casi.

“Penso che molte persone semplicemente non sappiano cosa sta succedendo o non sappiano cosa sia MPP”, ha detto. “Non ne hanno idea.”

“Mi sento sollevato”

Martedì, nell’aula del giudice Nathan Herbert, tre uomini venezuelani e un colombiano si sono seduti su panche di legno mentre Herbert spiegava i loro diritti, incluso il diritto di continuare le loro richieste di asilo in altre città degli Stati Uniti.

“Señores, buena suerte y buen viaje” – buona fortuna e buon viaggio – ha detto Herbert agli uomini mentre uscivano dalla sua aula alla fine dell’udienza di 45 minuti. “Gracias y Dios le bendiga”, ha risposto uno degli uomini. Grazie e Dio ti benedica.

Anno Domini

Il volontario della Annunciation House Kyung Ju Lee fornisce un orientamento al richiedente asilo di 25 anni Arias della Repubblica Dominicana dopo essere arrivato al rifugio per migranti martedì 23 agosto 2022 a El Paso, in Texas.

Il volontario della Annunciation House Kyung Ju Lee fornisce un orientamento al richiedente asilo di 25 anni Arias della Repubblica Dominicana dopo essere arrivato al centro di accoglienza per migranti martedì a El Paso. Credito: Ivan Pierre Aguirre per The Texas Tribune

I richiedenti asilo si recano in un rifugio per migranti locale pochi istanti dopo aver lasciato il tribunale per l'immigrazione martedì 23 agosto 2022 a El Paso, in Texas.

I richiedenti asilo si recano in un rifugio per migranti locale pochi istanti dopo aver lasciato il tribunale per l’immigrazione. Credito: Ivan Pierre Aguirre per The Texas Tribune

I migranti aspettano all'interno di un rifugio per migranti locale, Annunciation House, dopo aver lasciato il tribunale per l'immigrazione martedì 23 agosto 2022 a El Paso, in Texas.

I migranti aspettano all’interno di un rifugio per migranti locale, Annunciation House, dopo aver lasciato il tribunale per l’immigrazione martedì a El Paso, in Texas. Credito: Ivan Pierre Aguirre per The Texas Tribune

Primo: i richiedenti asilo si recano alla Casa dell’Annunciazione dopo aver lasciato il tribunale per l’immigrazione. Ultimo: i migranti aspettano all’interno della Casa dell’Annunciazione. Credito: Ivan Pierre Aguirre per The Texas Tribune

Uno degli uomini venezuelani è uscito dall’edificio federale con un padre e un figlio della Repubblica Dominicana che erano usciti da un’altra aula di tribunale. Ha picchiato a pugni il padre domenicano per celebrare la loro liberazione dal programma.

Anno Domini

“Sono felice”, ha detto il più giovane domenicano, un 25enne che ha chiesto di essere identificato solo per cognome, Arias. “Mi sento sollevato.”

Mentre si dirigevano verso l’Annunciation House, Willian si unì a loro appena fuori dal rifugio.

Willian ha spiegato di aver lasciato l’Ecuador perché i criminali hanno tentato di estorcergli $ 200 al mese, un terzo del suo stipendio mensile di $ 600.

Ha detto che stava guidando dal suo lavoro amministrativo presso il dipartimento sanitario del paese a casa sua a settembre quando un uomo in moto lo ha interrotto, si è avvicinato alla sua finestra e gli ha mostrato una foto recente di suo figlio di 18 anni e di 11 anni. -vecchia figlia in un parco. L’uomo, che indossava un passamontagna, gli ha detto che il pagamento mensile di $ 200 avrebbe garantito la sicurezza della sua famiglia, ha detto Willian.

Ha rifiutato.

Due giorni dopo, due uomini in passamontagna gli si sono avvicinati di nuovo, chiedendo soldi. Ha detto che ha cercato di denunciare l’incidente alla polizia, che gli ha detto che se non fosse stato in grado di identificare o descrivere gli uomini, non avrebbero denunciato.

Anno Domini

“Erano molto scoraggianti”, ha detto.

Willian ha detto che le minacce e le richieste di denaro sono continuate fino a quando non si è dimesso dal suo lavoro a gennaio e ha trasferito la sua famiglia a casa di sua suocera, mentre si è trasferito in un’altra città. Ma ha detto che non riusciva a trovare un lavoro fisso e ha deciso di lasciare l’Ecuador per gli Stati Uniti a giugno.

È arrivato al porto di ingresso di El Paso a luglio e ha chiesto asilo. Ha detto che pensava di essere deportato in Ecuador. Invece, gli agenti dell’immigrazione lo hanno iscritto a MPP.

Nell’ultimo mese, ha detto di non aver lasciato il rifugio di Juárez per paura. Quasi due settimane fa, un’ondata di violenza – innescata dall’uccisione di due detenuti da parte di una banda rivale – si è riversata fuori dalla prigione e nelle strade della città. Una delle bande ha ucciso 11 civili per rappresaglia.

Anno Domini

“Quando ho sentito gli spari, non ho lasciato il rifugio per niente”, ha detto Willian, guardando il suo telefono per assicurarsi di non aver perso una chiamata o un messaggio di sua nipote.

Ha detto che spera di poter vincere la sua richiesta di asilo, quindi portare sua moglie e due figli legalmente negli Stati Uniti

Dopo che il resto dei migranti ha ricevuto risultati negativi al test COVID-19, sono entrati nel rifugio. Willian si è seduto da solo su una panchina fuori dall’edificio di mattoni marroni fino a quando non è arrivata la sua macchina. Ora poteva iniziare il suo viaggio a New York.


Il programma completo è ora LIVE per il Texas Tribune Festival 2022, che si terrà dal 22 al 24 settembre ad Austin. Esplora il programma di oltre 100 conversazioni che espandono la mente in arrivo al TribFest, tra cui la traccia interna delle elezioni del 2022 e della sessione legislativa del 2023, lo stato dell’opinione pubblica e le superiori in questa fase della pandemia, perché i sobborghi del Texas sono in piena espansione, perché la banda larga questioni di accesso, l’eredità della schiavitù, ciò che è realmente accaduto a Uvalde e molto altro ancora. Guarda il programma.

Anno Domini

#vistoe1 #vistoe1 #vistousa #vistostaiuniti #vistoamerica #visto #immigrazione

Source link
#richiedenti #asilo #stato #permesso #entrare #negli #Stati #Uniti #dopo #fine #del #rimanere #Messico

%d bloggers like this: